"Riaprire le case chiuse a San Berillo": la proposta di 28 consiglieri per modificare la legge Merlin

Riaprire le case chiuse per riqualificare San Berillo e togliere dalla strada le prostitute. Questa la singolare iniziativa presentata stamane in via Di Prima nel corso di una passeggiata tra i vicoli del sesso 'alla catanese'

Riaprire le case chiuse per riqualificare San Berillo e togliere dalla strada le prostitute. Questa la singolare iniziativa presentata stamane in via Di Prima nel corso di una passeggiata tra i vicoli del sesso 'alla catanese', in cui da sempre generazioni di avvenenti signorine esercitano il mestiere più antico del mondo. Alla luce del sole e dei lampioni, assecondando i ritmi della giornata e della clientela maschile.

"Insieme a Vincenzo Parisi e ad altri 26 consiglieri comunali abbiamo presentato al consiglio comunale una proposta di modifica della legge Merlin - spiega il consigliere Giuseppe Catalano- affinchè le tante donne che lavorano quotidianamente nel marciapiede o in abitazioni private prostituendosi possano farlo in maniera più decorosa, senza incorrere in sanzioni o rischiare di essere sfruttate dalla malavita. I residenti del quartiere sono stanchi di vivere in queste condizioni ed anche chi vive in prima persona questa situazione preferirebbe mettersi in regola senza doversi nascondere ad ogni retata. Seguendo l'esempio di altri paesi europei, Catania potrebbe essere protagonista di una piccola rivoluzione, se il comune ed il governo siciliano riusciranno ad interloquire correttamente con il Parlamento italiano sposando quella che noi crediamo sia innanzitutto una battaglia per la dignità di queste lavoratrici". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ci tengo a puntualizzare -Precisa Vincenzo Parisi - che noi non vogliamo fare di San Berillo una Amsterdam del Sud. Qualora la nostra proposta andasse in porto naturalmente saremmo favorevoli anche all'individuazione di un'area diversa da questa. Sicuramente il quartiere ha bisogno di una riqualificazione capillare e questa potrebbe essere una buona opportunità sotto vari punti di vista".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento