Ricaricavano bombole per uso domestico violando norme di sicurezza

Controlli della polizia dopo aver notato uno strano via vai da un rifornimento Eni - Agip del quartiere San Giorgio

I poliziotti della squadra amministrativa del commissariato di Librino, nei giorni scorsi, avendo notato uno strano via vai da un rifornimento Eni - Agip del quartiere San Giorgio, hanno deciso di operare un controllo più accurato. Sul posto, hanno verificato la presenza di più automobilisti in fila che, piuttosto che rifornire le autovetture, ricaricavano bombole per uso domestico poste nel bagagliaio: in violazione di qualsiasi norma sulla prevenzione antincendio e privo di qualsiasi formazione professionale, l’addetto al rifornimento ricaricava le bombole mediante un riduttore idoneo, ma non a norma, non curandosi neppure della correttezza della pressione con pericolo di sovraccarico e quindi, di deflagrazione.

L’intervento dei poliziotti ha messo fine a questa pratica “artigianale” e pericolosissima. L’addetto. D.L. G., invitato presso gli uffici del Commissariato, è risultato percettore di pensione sociale e quindi, lavoratore in nero. Al medesimo, inoltre, è stata contestata anche la non diligente ed omessa custodia delle armi regolarmente detenute visto che l’arma dell’uomo è stata rinvenuta in un’abitazione fatiscente di via Zia Lisa, utilizzata quale locale di sgombero.

All’addetto al distributore e al suo datore di lavoro (in qualità di obbligato in solido) è stata irrogata la sanzione pecuniaria da 5 mila euro a 10 mila euro. Peraltro, durante l’attività di controllo è emersa la posizione irregolare lavorativa e previdenziale dello stesso addetto al distributore, che verrà segnalata rispettivamente all’Inps e all’Inail.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le contestazioni sono scattate anche per gli avventori che hanno illegalmente – e pericolosamente – acquistato il Gpl, nei cui confronti si procederà amministrativamente per l’irrogazione della sanzione amministrativa pecuniaria da 2 mila euro a 4 mila euro. Sono in corso ulteriori accertamenti sia presso l’ente Eni – Agip che presso il comando dei Vigili del fuoco al fine di valutare la sussistenza dei requisiti oggettivi e soggettivi in capo al gestore del rifornimento in commento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento