Ricercato in Italia e Austria, arrestato latitante catanese

Il pregiudicato Francesco Enrico Fiore era destinatario di un mandato d'arresto europeo per appropriazione indebita, falsificazione di monete e truffa aggravata

La polizia ha arrestato il pregiudicato catanese Francesco Enrico Fiore (del 1983), latitante, destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso in data 30 ottobre 2019 dalla procura distrettuale della Repubblica di Catania, dovendo espiare la pena di anni 6 e mesi 6 di reclusione, per simulazione di reato, reiterate ricettazioni, furto aggravato e appropriazione indebita nonché destinatario Mandato di Arresto Europeo emesso dall’autorità giudiziaria austriaca per l'espiazione della la pena residua di anni 2 e mesi 10. Francesco Enrico Fiore, si era reso irreperibile già nel mese di febbraio del 2016. Nell’ambito delle attività investigative svolte dal personale della Squadra Mobile etnea, si è accertato che l'uomo, detenuto presso un istituto penitenziario in Austria, dove stava scontando la pena di 4 anni di reclusione, per appropriazione indebita, falsificazione di monete, spendita e introduzione nello stato di monete falsificate e truffa aggravata; in data 15 febbraio 2018 era riuscito ad evadere. L’attività di indagine, anche di tipo tecnico, coordinata dalla locale Procura Distrettuale della Repubblica, ha consentito di rintracciare il Fiore all’interno di un appartamento a Roma. Espletate le formalità di rito, Francesco Enrico Fiore è stato associato presso la casa circondariale di Roma - “Regina Coeli”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento