Ricercato per mafia tenta di seminare i carabinieri: arrestato

Si tratta di Carmelo Curvà, di origini gelesi. Alla vista dei militari dell'Arma ha tentato la fuga imboccando verso la strada per la zona industriale di Caltagirone

Si trovava alle 3 di notte nei pressi di Caltagirone quando ha visto una vettura dei carabinieri e ha svoltato repentinamente verso la zona industriale. Così i militari dell'Arma lo hanno inseguito e fermato. Da un controllo è emerso che l'uomo è un ricercato per mafia, destinatario di un ordine di carcerazione per associazione mafiosa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si tratta di Carmelo Curvà, di 41 anni, e dovrà scontare una pena di anni 4, 10 mesi per il reato commesso nella provincia di Caltanissetta dal 2010 al 2013. L’arrestato adesso si trova nel carcere di Caltagirone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sidra, il 3 agosto sospesa erogazione idrica: ecco la zona di Catania interessata

  • Coronavirus, invitato a nozze positivo e 90 in quarantena: donna ricoverata a Catania

  • Aeroporto, hostess con febbre: attivata la procedura di biocontenimento

  • Coronavirus, in Sicilia 39 nuovi casi: a Catania sono 6 in più

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 31 luglio 2020

  • Coronavirus, in Sicilia 7 nuovi contagi: 6 sono nel catanese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento