Riconoscimento a Francesco Sorbello, stoico funzionario della Confcommercio di Catania

Un riconoscimento importante e sicuramente meritato per Francesco Sorbello, stoico funzionario della Confcommercio di Catania nominato Vice Direttore Provinciale della più rappresentativa Associazione dei Commercianti non solo a livello nazionale ma anche nella nostra provincia

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CataniaToday

Un riconoscimento importante e sicuramente meritato per Francesco Sorbello, stoico funzionario della Confcommercio di Catania nominato Vice Direttore Provinciale della più rappresentativa Associazione dei Commercianti non solo a livello nazionale ma anche nella nostra provincia.
“Desidero ringraziare il Presidente Galimberti ed il Direttore Antonio Strano – dichiara Sorbello – per l’affettuoso attestato di stima, e con loro ringrazio l’intera Giunta che all’unanimità ha deliberato la mia nomina a Vice Direttore Provinciale. Un ringraziamento particolare lo devo al mio maestro dott. Agen  dal quale ho imparato tutto, dalla legislazione del commercio, all’urbanistica commerciale, alla  gestione di un’assemblea o di una trattativa sindacale. Una figura fondamentale nella mia vita professionale”.


Il nuovo incarico determinerà un rinnovato impegno del “sindacalista di frontiera” a favore della categoria in un momento di gravissima crisi per tutta l’economia, una crisi che in Città ha i segni evidenti nelle centinaia di botteghe chiuse per fine attività.


“Continuerò  la mia attività – afferma ancora Sorbello - con l’impegno di sempre. In me resta la mentalità e la determinazione “del soldato di trincea”, oggi più che mai. La crisi delle aziende e le botteghe chiuse  rappresentano una ferita per tutta la collettività. Dobbiamo fare il massimo a tutti i livelli per invertire la tendenza. A livello comunale, sempre in linea con la politica dell’Associazione che rappresento, continueremo ancora a fare pressing sul Consiglio Comunale perché si discuta il PRG, anche con le forze sociali; avvieremo una  nuova battaglia per la riduzione dei costi della politica, spesso ingiustificabili ed ingiustificati; chiederemo l’avvio di una discussione sul piano di urbanistica commerciale; monitoreremo l’avvio del piano della mobilità con la realizzazione della prima linea BRT. Ed ancora bisognerà capire la fattibilità del progetto Stella Polare, che potrebbe rappresentare un’ulteriore prospettiva di sviluppo turistico per il territorio. Confcommercio Catania, inoltre, vigilerà sulla stesura della nuova legge regionale sul commercio, lacunosa e priva di novità di rilievo, contribuendo attivamente alla realizzazione del testo promosso dall’assessore regionale Venturi soprattutto per inibire l’apertura di nuove grandi superfici di vendita e centri commerciali.

E’ necessario proteggere e valorizzare il commercio di prossimità nell’interesse della vita e vitalità delle Città, altrimenti destinate inevitabilmente alla desertificazione ed al degrado. La vita delle Città dipende dalla presenza delle piccole attività”.
Le sempre più spinose  questioni e criticità del commercio catanese necessitano di una ulteriore impegno e spinta da parte della società civile e delle organizzazioni imprenditoriali, perché così non va più.
 

Torna su
CataniaToday è in caricamento