Confcommercio avvia un ricorso contro la zona arancione

Il ricorso verrà proposto nella giornata di lunedì 9, nell’interesse degli esercenti le attività dei servizi di ristorazione e bar

Confcommercio Imprese per l’Italia di Catania, insieme a diverse imprese associate operanti nel settore della ristorazione e dei bar, hanno conferito incarico ad un team di professionisti composto dagli avvocati Martina Scaletta, Alberto Maria Fichera e Giacomo Bellavia, supportati dall’avvocato Luigi Carbone, esperto in materie pubblicistiche, di valutare la proposizione di un ricorso al Tar Lazio avverso l’ordinanza del 4 novembre 2020 del Ministro della Salute nella parte in cui dispone l’applicazione delle misure di contenimento del contagio di cui all’art. 2 del dpcm del 3 Novembre 2020 nei confronti della Sicilia, che colloca la regione in uno scenario di tipo 3 con livello di rischio alto. Il ricorso verrà proposto nella giornata di lunedì 9, nell’interesse degli esercenti le attività dei servizi di ristorazione e di bar, in quanto direttamente colpiti dalle misure restrittive, avverso i suddetti atti, ritenuti illegittimi sotto diversi profili. Si intende chiedere al Tar Lazio di emettere in via d’urgenza una misura cautelare monocratica che disponga l’inapplicabilità alla Regione Siciliana delle misure previste dall’art. 2 del Dpcm del 3 novembre 2020.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento