Raccolta rifiuti ad Acireale, Barbagallo preoccupato: lunedì nuovo vertice in Prefettura

L'assessore all'Ambiente del comune di Acireale, Francesco Fichera: "La crisi c'è anche qui. Non si riesce giornalmente a svuotare tutti i cassonetti e a smaltire tutto il porta a porta, perché è difficoltoso il conferimento in discarica"

foto di Fabrizio Murabito

E' scaduto ieri il termine fissato dall'intesa tra la Regione e il governo nazionale che prevedeva l'avvio di accordi da parte del governatore Rosario Crocetta per mandare i rifiuti fuori dalla Sicilia. La Regione non ha ancora approvato il disegno di legge che dovrebbe riorganizzare la gestione con l'ente unico chiesto da Palazzo Chigi e questo si tramuta in cassonetti strapieni in tutta l'isola, specialmente ad Acireale.

13592836_1801674880069197_5681415893283911481_n-2

Ieri si è svolta, infatti, in Prefettura una riunione con i rappresentanti degli enti locali tra i quali anche l’assessore all’Ambiente del Comune di Acireale, Francesco Fichera che a CataniaToday ha dichiarato: “La crisi c'è anche qui. Non si riesce giornalmente a svuotare tutti i cassonetti e a smaltire tutto il porta a porta, perché è difficoltoso il conferimento in discarica. Oggi non si è riusciti ad effettuare lo svuotamento di diversi cassonetti nelle frazioni a monte e a mare e in alcune aree della città. Attendiamo di avere notizie lunedì nel corso del nuovo incontro in Prefettura".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindaco Roberto Barbagallo ha dichiarato di essere preoccupato per questa vicenda e prevede disagi in questi giorni. “L'ordinanza n° 5 del presidente Crocetta – dicono dall'amministrazione Barbagallo - ha sfasciato il fragilissimo equilibrio del sistema di smaltimento dei rifiuti dell'intera provincia etnea. Non è tollerabile che la carenza di impianti di una cospicua parte del territorio regionale, si ripercuota, con gravissimi rischi igienico-sanitari, sui comuni del nostro territorio che non riescono più a conferire i rifiuti nell'impianto di Grotta San Giorgio. Il presidente della Regione deve subito revocare la propria ordinanza o altrimenti si assuma la responsabilità dei problemi di ordine pubblico che saranno inevitabilmente generati dalla sua assurda decisione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento