rotate-mobile
Sabato, 24 Settembre 2022
Cronaca Civita / Piazza del Duomo

Rifiuti, l'aumento Tari di nuovo al vaglio del Consiglio, Bonaccorsi (M5s): "Accanimento terapeutico che non serve alla città"

L'amministrazione comunale vuole chiudere con i conti in ordine, e oggi l'approvazione del bilancio di previsione e con esso l'incremento delle tariffe al 18 per cento sarà di nuovo al vaglio del senato cittadino. Ma a Palazzo degli Elefanti il clima non è sereno

Il Consiglio comunale torna a riunirsi oggi. Sui banchi del senato cittadino torna di nuovo la questione rifiuti. E con essa l'aumento delle tariffe.  "Assurdo, oltre che grottesco, l'ennesimo tentativo di portare in aula il tema dell'aumento della Tari", è la posizione del consigliere comunale del M5s Graziano Bonaccorsi. Se l'amministrazione sembra intenzionata a chiudere con i conti in ordine, il Consiglio nutre più di qualche perplessità. "Perché ostinarsi a incardinare un provvedimento che l'intero consiglio comunale non vuole votare? Perché tentare, ancora una volta, di addossare le responsabilità di questo aumento sui consiglieri?" è la provocazione di Bonaccorsi. "Questo è accanimento terapeutico, non serve alla città né tantomeno alle casse del comune, anzi ci piacerebbe comprendere che fine abbia fatto la famosa task force per la lotta all'evasione - conclude - L'eventuale aumento della Tari non risolverà nulla, rincarare la dose ai cittadini che pagano non eviterà il secondo dissesto dell'ente. Questa amministrazione, come quella regionale, ha fallito su tutti i fronti. Attendiamo la nomina del commissario".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, l'aumento Tari di nuovo al vaglio del Consiglio, Bonaccorsi (M5s): "Accanimento terapeutico che non serve alla città"

CataniaToday è in caricamento