Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca

Rifiuti, pubblicato il bando della gara settennale da 334 milioni

La città sarà divisa in 3 lotti. Il sindaco: "Dopo la grande amarezza della gara andata deserta auspichiamo di metterci alle spalle un passato che abbiamo ereditato"

E’ stata bandita la gara di livello europeo del servizio di spazzamento, raccolta e trasporto allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani differenziati e indifferenziati e altri servizi di igiene pubblica, all'interno dell'Aro Città di Catania. Il bando suddivide la città in tre macro lotti e avrà durata durata settennale, per un importo globale di 334.022.782 euro,  oltre iva e che prevede il sistema porta a porta differenziato in tutta la città.

Gli atti di gara, oltre che sulla Gazzetta Ufficiale europea, nazionale e regionale, sono pubblicati sul sito web dell’ufficio competente per l'espletamento della gara d'appalto, vale a dire l'UREGA sezione provinciale di Catania.

A conclusione di un lungo e complesso iter in cui il Comune e la SRR hanno  integralmente recepito le sollecitazioni dell’Anac a dividere la gara in più lotti e modificato alcuni aspetti del precedente capitolato, la cui gara un anno addietro andò deserta, nelle scorse settimane anche il consiglio comunale si è pronunciato favorevolmente ai mutamenti tecnici migliorativi apportati all’Aro (ambito rifiuti ottimale) per procedere a una gara a evidenza pubblica con il sistema dell’offerta economicamente più vantaggiosa.

 “Dopo la grande amarezza di un anno fa della gara andata deserta -ha commentato il sindaco- auspichiamo di metterci alle spalle un passato che abbiamo ereditato, con un sistema di raccolta porta a porta solo per il 20% della popolazione, con livelli assolutamente insoddisfacenti di raccolta differenziata, di inefficienze che non abbiamo mai negato e che in ogni modo stiamo tentando di superare.  Con lo stesso impegno e determinazione del primo bando a cui le imprese non hanno ritenuto di partecipare, insieme alle altre  strutture coinvolte, SRR, tecnici preposti e consiglio comunale che ringrazio ciascuno per la propria parte, abbiamo rimodulato il capitolato d’oneri, mantenendo dritta la barra delle indicazioni dell’Anac e la massima linearità delle procedure. Siamo più che mai consapevoli che nei rifiuti a Catania si debba comunque voltare pagina e avviare una fase completamente nuova, che ci deve allineare ai comuni più efficienti con criteri di massima trasparenza e razionalizzazione dei costi e dell’impiego delle risorse. Obiettivi ora finalmente a portata di mano e che rappresentano il fine ultimo di questo nuovo bando, in un settore delicatissimo come quello dei rifiuti purtroppo ancora attraversato da opacità, nonostante l’azione risoluta di magistratura e forze dell’ordine”. 

Le domande di partecipazione alla gara dovranno essere presentate entro sessanta giorni, vale a dire entro il prossimo 4  Maggio e nei giorni successivi si procederà all’aggiudicazione secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa.

“Abbiamo agito con linearità e trasparenza, con un percorso di legalità che ci condurrà a una fase completamente nuova nell'interesse della città – ha commentato l’assessore all’ecologia Fabio Cantarella -.  Adesso si dovranno attendere i tempi di svolgimento della gara affinché le ditte vincenti di ciascuno dei 3 lotti, subentrino immediatamente. Come ho avuto modo di dire in più occasioni, sin dall'inizio del mandato l'obiettivo dell'amministrazione comunale guidata da Salvo Pogliese è stato proprio quello di tagliare gli enormi costi di discarica dovuti all’indifferenziata e abbassare il valore della Tari che purtroppo è ancora frutto di alcuni errori del passato. Abbiamo messo il massimo impegno per predisporre tramite la Srr, con le poche risorse tecniche e di personale a disposizione, il migliore appalto possibile. Che il buon Dio ci aiuti a portare a casa quest'altro importantissimo coraggioso e rivoluzionario  risultato di buona amministrazione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, pubblicato il bando della gara settennale da 334 milioni

CataniaToday è in caricamento