Rifiuti bruciati nel quartiere Borgo-Sanzio, Grasso: "Più controlli"

Il rischio è che bande di criminali possano incendiare di proposito i sacchetti o contenitori di plastica

Negli ultimi mesi in molte parti della città si sono registrati casi di cassonetti bruciati e contenitori della differenziata  andati in fumo. L’ultimo episodio proprio nei pressi di via Umberto. "Un campanello dall’allarme da non sottovalutare soprattutto in un territorio, come quello di Borgo-Sanzio -spiega il consigliere Orazio Grasso - dove da tempo si effettua la raccolta differenziata. L'unica cosa certa sono i danni per il territorio ed i disagi per i residenti costretti a restarsene chiusi in casa, per non respirare i fumi tossici, in attesa del pronto intervento dei vigili del fuoco".

"Chiedo maggiori controlli e più collaborazione da parte dei cittadini, che hanno il dovere di segnalare alle forze dell’ordine eventuali focolai che, in pochi minuti, possono diventare qualcosa di ben peggiore. Il rischio è che bande di criminali possano tentare di incendiare decine di sacchetti o contenitori di plastica della spazzatura sparsi sui marciapiedi o ai bordi delle corsie dell’intera III municipalità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento