Cronaca

Rifiuti, i lavoratori di Energeticambiente in stato d'agitazione

La società in stato d'insolvenza gestisce il servizio nel Comune di Catania, in subappalto alla Dusty

I lavoratori di Energeticambiente entrano in stato di agitazione: la raccolta rifiuti nella città etnea rischia di subire uno stop, se i dipendenti della società che gestisce il servizio nel Comune di Catania, in subappalto alla Dusty, non avranno risposte sulle criticità emerse nella gestione finanziaria dell'azienda. Tutto parte dallo stato d'insolvenza di Energeticambiente dichiarato dal Tribunale fallimentare e il mancato versamento di tutte le somme riferite al Tfr dal fondo previdenziale, delle rate frate delle cessioni del quinto, delle trattenute sindacali, e dei ratei delle tredicesime e quattordicesime mensilità, tutti alla data del 17 marzo 2021. A comunicare la situazione alle organizzazioni sindacali è stato lo stesso Commissario straordinario nella giornata di ieri.

“Vista la nostra richiesta alla Dusty, in quanto responsabile solidale dell'appalto, di provvedere al pagamento di queste somme – scrive la segreteria provinciale Fiadel – e preso atto della loro risposta di non potere al momento espletare per conto dell'Energeticambiente i pagamenti, comunichiamo lo stato di agitazione e chiediamo al prefetto un incontro con le parti interessate per attivare le procedure di raffreddamento previste dalla legge 12/1990”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, i lavoratori di Energeticambiente in stato d'agitazione

CataniaToday è in caricamento