Rifiuti davanti alla porta dei Benedettini: la denuncia del professore Iachello

Iachello non ci sta a vedere questo brutto spettacolo e con un post su Facebook denuncia la situazione rivolgendosi direttamente al Sindaco di Catania e alla sua amministrazione

Brutto scenario quello immortalato al Monastero dei Benedettini dal professore Enrico Iachello, docente presso il Disum ed ex preside di Lettere e Filosofia. Davanti alla porta dei Benedettini, sede del Dipartimento di Scienze umanistiche e patrimonio culturale di Catania, rifiuti, sacchi della spazzatura ed escrementi.

Iachello non ci sta a vedere questo brutto spettacolo e con un post su Facebook denuncia la situazione rivolgendosi direttamente al Sindaco di Catania e alla sua amministrazione

“Egregio Sindaco, Spettabile Amministrazione comunale di Catania, cari amici di Fb – scrive il professore – oggi pomeriggio, come quasi tutti i i giorni, sono andato in via Teatro Greco alla porta dei benedettini scempiata dalla monnezza. La situazione era quella che vi mostra la prima foto. Ho avuto un moto di rabbia e non so cosa mi è preso, ma ho comprato dei guanti e dei sacchetti e ho portato via la monnezza sacchetto per sacchetto nei cassonetti di via Santa Barbara”. Come suggerito dalle immagini, appoggiati ad una porta del Monastero, si trovano rifiuti, sacchi della spazzatura e, purtroppo, vi sono anche escrementi. A depositare la monnezza in quel luogo pare siano stati proprio gli abitanti del quartiere. Ma il prof. Iachello si è armato di buona volontà ed ha ripulito il tutto. “Ho impiegato un’ora e mezza con la fatica della salita che mi fiaccava le gambe e il puzzo che mi dava la nausea, – spiega Enrico Iachello – e per non scoraggiarmi mi dicevo (vecchio scemo illuminista), che questo mio gesto serviva a ‘educare’ gli abitanti del quartiere. E alle vecchine che mi chiedevano stupite perché portavo via la monnezza e chi fossi, rispondevo che lo facevo perché non la si buttasse più davanti alla porta dei benedettini. Mi rispondevano che loro no, ma che stasera sicuramente altri l’avrebbero di nuovo buttata. E io andavo e venivo carico di sacchetti di monnezza e per non scoraggiarmi mi ripetevo che no, che era un gesto utile il mio, ma non ne ero (non ne sono) certo. Alla fine l’ho tolta tutta la monnezza (cfr. foto 2) e mi sono fermato a guardare/contemplare la porta ripulita”.

”E mi sono commosso, lo confesso – ammette l’ex Preside di Lettere e filosofia – mi è venuto da piangere e non voglio buttarla in lacrime e commozione. Solo che allora ho capito il senso del mio gesto. Io appartengo a questo luogo, al convento dei benedettini, ad esso appartiene la mia storia, vi appartengo anche quando sto a Milano o non importa dove. Qui ho studiato, qui ho fatto il preside, qui sono professore. Ecco, il mio è stato un gesto di pietas per questi luoghi, un gesto di rispetto per il monastero. E poiché le cose non nascono a caso, ho rivisto il mio maestro, Giuseppe Giarrizzo, che del recupero dei benedettini è stato artefice e ‘santo patrono’, ‘nume tutelare’, che si chinava nei corridoi a togliere il pezzo di carta lasciato per terra, richiamandomi così al mio dovere di preside. Ecco, non so che utilità ha avuto o avrà il mio gesto ‘folle’ di oggi, ma mi sono riconciliato con la mia storia e con i miei luoghi. E ve l’ho raccontato non perché cerco medagliette, ma per condividere la pietas che tutti dobbiamo ai nostri luoghi. PS: la terza foto mostra (in basso a sx), un evidente segno di stercorazione, prima coperto dai sacchetti. Spero provveda chi può, io sin là non ce la posso fare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento