Riforma sanitaria a Catania, Cisl e Cisl Fp: " E' ancora in fase di gestazione"

Assemblea dei quadri dirigenziali della Sanità della Cisl Funzione pubblica catanese: "La riforma sanitaria va completata soprattutto con l'integrazione dei servizi sanitari con quelli sociali e dei servizi ospedalieri con quelli territoriali"

Con oltre 146mila accessi ai tre pronto soccorso ospedalieri (fino a settembre 2013), cinque punti territoriali di assistenza attivi, 11 punti di pronto intervento, 1150 posti letto in comunità terapeutiche e residenze assistenziali pubbliche e private, la sanità catanese gode complessivamente di discreta salute. Ma la riforma sanitaria va completata soprattutto con l'integrazione dei servizi sanitari con quelli sociali e dei servizi ospedalieri con quelli territoriali.

È ciò che emerso dall'assemblea dei quadri dirigenziali della Sanità della Cisl Funzione pubblica catanese riunitasi all'hotel Mediterraneo, davanti a Gigi Caracausi, segretario generale Cisl Fp Sicilia; Francesca Pomara, della segreteria regionale Cisl Fp con delega alla Sanità; Giuseppe Badagliacca, segreteria regionale Cisl Fp; Rosaria Rotolo, segretaria generale Cisl Catania; Armando Coco segretario generale Cisl Fp Catania.

"La realizzazione della rete dei servizi sanitari per l'area metropolitana di Catania - dice Coco - è ancora in fase di gestazione, se non addirittura embrionale, sebbene lo preveda il Patto della Salute per la regione siciliana e il declinato Piano attuativo aziendale 2013-2015. Eppure, la sanità catanese gode di uno stato di discreta salute, grazie all'impegno e all'abnegazione degli operatori del settore che, nonostante le evidenti difficoltà scaturite dal taglio delle risorse, riescono a dare risposte alla richiesta di servizi che proviene dalla popolazione catanese".

Le strutture dell'Azienda sanitaria provinciale nel territorio però esistono: 5 Pta (punti territoriali di assistenza) attivi su 7; 5 Pte, punti territoriali emergenza, da Randazzo a Mineo; 11 Ppi, punti di pronto intervento funzionanti dall'1 settembre 2013, di cui 7 anche pediatrici; 1 hospice con 10 posti letto; 3 Rsa , residenze sanitarie d'assistenza, con 56 posti letto; una Cta, comunità terapeutica pubblica con 22 posti letto; 44 unità di 118, di cui 11 medicalizzate e 23 non medicalizzate; 59 guardie mediche e 6 guardie turistiche. Alle quali vanno aggiunte le strutture private: 11 Rsa, con 421 posti letto; 16 Cta, con 640 posti letto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Occorre - continua Coco - una profonda revisione e l'ottimizzazione delle reti assistenziali, favorendo l'integrazione ospedale-territorio e valorizzando le strutture presenti nel territorio metropolitano che hanno funzione di prima accoglienza e cura del cittadino per le patologie a basso rischio o a basso livello di diagnosi e cura. Così si eviterà di intasare i Pronto soccorso delle strutture ospedaliere cittadine".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento