rotate-mobile
Cronaca

Concluse le operazioni di brillamento della bomba trovata nei pressi della stazione di Sferro

L’ordigno è stato trasportato a bordo di un convoglio militare presso la cava di inerti ubicata nel territorio del comune di Santa Maria di Licodia, dove è stato fatto brillare

Si sono concluse con successo le operazioni di bonifica dell’ordigno risalente alla Seconda Guerra Mondiale di circa 250 libbre, rinvenuto lungo la tratta ferroviaria Fiumetorto – Catania Bicocca nei pressi della stazione di Sferro. Come concordato nell’ambito delle riunioni di coordinamento svoltesi presso la Prefettura di Catania, il residuato bellico è stato rimosso dal sito di rinvenimento dai militari del 4° reggimento Genio Guastatori di Palermo.

Per motivi precauzionali, durante le attività di rimozione, durate fra le ore 6 e le 6.40, l’autostrada A19 è rimasta chiusa al transito veicolare fra gli svincoli di Gerbini e Catenanuova, mentre l’aeroporto Vincenzo Bellini di Catania è rimasto non operativo fra le ore 6 e le 6 e 30. Secondo quanto riferito dalla polizia stradale e dall’Enac, non si sono riscontrate criticità né per la viabilità lungo l’arteria autostradale, né per il traffico dello scalo aeroportuale. L’ordigno è stato trasportato a bordo di un convoglio militare - scortato dalle forze di polizia e con il supporto dei vigili del fuoco e delle ambulanze della Croce Rossa Militare e dell’ospedale di Paternò - presso la cava di inerti ubicata nel territorio del comune di Santa Maria di Licodia, dove è stato fatto brillare. Le operazioni si sono concluse alle 10 e 50.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Concluse le operazioni di brillamento della bomba trovata nei pressi della stazione di Sferro

CataniaToday è in caricamento