Tentano una rapina in banca e minacciano il direttore: due arrestati

Fingendo di avere una pistola hanno intimato di aprire la cassaforte, ma uno degli impiegati ha fatto scattare l'allarme e i carabinieri intervenuti sul posto li hanno immediatamente bloccati

I carabinieri di Acireale e Guardia Mangano hanno arrestato Luigi Emanuele Leonardi, 40 anni di Mascali e Rosario Fichera, 56 anni di Aci Sant’Antonio per tentata rapina aggravata e ricettazione in concorso. I due con il volto travisato da passamontagna, hanno fatto irruzione nella filiale della Banca Popolare di San Francesco, in via Provinciale per Riposto – nella frazione acese di Scillichenti – e fingendo di avere una pistola sotto il giubbotto, hanno minacciato il direttore della filiale affinché questi aprisse la cassaforte e consegnasse il denaro.

L’allarme fatto scattare da uno degli impiegati ha segnalato il fatto ai militari della centrale operativa di Acireale che, immediatamente, hanno fatto convergere sul posto una pattuglia del nucleo radiomobile e quella di Guardia Mangano. I militari, appena giunti sul posto, senza alcuna esitazione sono entrati nell’istituto di credito ed affrontando i malviventi sono riusciti a bloccarli ed ammanettarli. Gli altri carabinieri, fuori dalla banca, hanno trovato l’autovettura utilizzata usata dai rapinatori per raggiungere il luogo del reato, una Fiat Uno rubata a Giarre il 5 ottobre scorso. L’auto è stata restituita al legittimo proprietario, mentre gli arrestati, dopo l’udienza di convalida sono stati rinchiusi nel carcere di piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento