Ripuliti il fossato del Castello Ursino ed un tratto dell'Oasi del Simeto

Tra i vari rifiuti rinvenuti sotto la sabbia e tra i rovi, anche un frigorifero e un gommone in brandelli, segno evidente dell'incuria e dell'inciviltà umana

Sono 400 i chili di rifiuti raccolti sul litorale della plaia di Catania all'altezza della riserva del Fiume Simeto direzione Siracusa, dai volontari di Legambiente Catania, con il supporto tecnico di Dusty e del suo subappaltatore Energetikambiente, mettendo a disposizione guanti in nitrile, sacchi trasparenti per la raccolta differenziata e pinze prendi-rifiuti, per la straordinaria pulizia di parte dell'area naturalistica. Aderendo alla campagna nazionale "Puliamo il mondo" i volontari del circolo catanese dell'associazione ambientalistica, hanno raccolto in poco meno di 4 ore, 100 chili di bottiglie in vetro, 200 chili di bottiglie in plastica e 100 chili di metalli. Tra i vari rifiuti rinvenuti sotto la sabbia e tra i rovi, anche un frigorifero e un gommone in brandelli, segno evidente dell'incuria e dell'inciviltà umana. Anche in piazza Federico di Svevia, altro luogo simbolo di Catania, dove i volontari dell'associazione Plastic Free Onlus hanno effettuato una pulizia straordinaria grazie al supporto tecnico di Dusty che ha fornito loro guanti in nitrile, pinze prendi-rifiuti, rastrelli e sacchi trasparenti per la raccolta differenziata, sono stati rimossi 37 sacchi di plastica e metalli (contenenti per lo più lattine e bottigliette); 3 sacchi di carte e cartone, 6 sacchi di vetro (per lo più bottigliette di birra), e 15 sacchi di residuo secco.

I volontari, tra cui anche un minorenne con una grande propensione per la tutela e la difesa dell'ambiente, hanno bonificato non solo la parte in piano della piazza adiacente il Castello Ursino, comprese le aiuole, le aree a verde e svuotato i cestini dislocati lungo la piazza, colmi di cartoni di pizza e bottiglie di birra, ma hanno ripulito anche i fossati dello storico maniero dove sono stati raccolti: 2 insegne arrugginite di metallo (una di una pizzeria, l'altra della Protezione Civile, che indica l'area di attesa n. 62 in caso di terremoti), depositate lì forse a seguito di intemperie o giornate ventose; ma anche 1 passeggino; 2 piccole sedie di plastica, 1 scarpa, 1 porta di legno e 2 cassette di legno, 1 piumone, 1 sacco pieno di cicche di sigarette, e alcune monete.image005-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento