Gravina, in arrivo 185 mila euro per prevenire la devianza giovanile

L'amministrazione guidata dal sindaco Massimiliano Giammusso ha aderito al progetto “Il buon cammino”

Aggregazione, socializzazione e sviluppo di abilità specifiche: questi gli obiettivi del progetto presentato dal Comune di Gravina per contrastare il rischio devianza adolescenziale. L'amministrazione guidata dal sindaco Massimiliano Giammusso ha aderito al progetto “Il buon cammino” nell'ambito del Pon Legalità in partnership con la città metropolitana di Catania.

"La nostra proposta è stata approvata e siamo in attesa del decreto di finanziamento che ammonta a circa 185 mila euro – ha dichiarato il primo cittadino – saranno predisposte le azioni finalizzate ai percorsi di inclusione sociale e lavorativa per particolari soggetti a rischio devianza. Il nostro Comune non presenta situazioni di particolare criticità grazie alla presenza di ottime e diffuse agenzie educative, tuttavia il progetto si inserisce in un ottica di prevenzione – ha continuato - oggi a Gravina, i minori in età scolare, compresa tra gli 11 e i 18 anni, rappresentano circa il 9 per cento della popolazione: è questa la fascia di riferimento dell'intervento previsto dalla misura".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli ha fatto eco l'assessore ai Servizi Sociali Patrizia Costa. "Il progetto prevede diverse fasi d'intervento: una parte del lavoro verrà fatto sul campo coinvolgendo prima di tutto la rete locale formata dalle associazioni, le parrocchie e il volontariato. Verrà fatta una mappatura dei bisogni del territorio, individuando i soggetti vulnerabili e i gruppi informali di adolescenti. Questo consentirà di instaurare un clima positivo di relazione che consenta il passaggio successivo, cioè il centro di aggregazione. Il centro – ha spiegato l'assessore – non sarà solamente un luogo fisico, ci sarà la presenza di un coordinatore che seguirà le attività di socializzazione previste, come i laboratori musicali, quelli dedicati alle arti espressive e alle attività sportive. Ringrazio il responsabile dell'XI servizio dott.Santo Lagona per il lavoro di progettazione svolto con competenza e professionalità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, nel mirino i "fedeli collaboratori" del clan Santapaola-Ercolano: 21 arresti

  • Il "mistero" dei fuochi d'artificio di Picanello, sparati ogni giorno a mezzanotte

  • "Iddu" e "idda": il terrore di Giarre e Riposto, stroncata dai carabinieri la cupola di La Motta

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

  • Droga e mafia, altri 4 arresti nell’ambito dell’operazione "Overtrade"

  • Covid, bonus matrimonio: governo Musumeci stanzia oltre 3 milioni di euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento