menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terreni abbandonati e rischio incendi, Saverino: "Bisogna intervenire subito"

La consigliera comunale Ersilia Saverino sta preparando una mappa delle "zone rosse" della città da consegnare all'amministrazione comunale per comprendere in quali aree sia necessario un intervento immediato

Con il caldo ed il clima secco di questi giorni per la città di Catania è cominciata purtroppo anche la stagione degli incendi. L’emergenza fiamme rischia di superare in breve tempo i livelli di guardia. "Ho  raccolto per settimane le segnalazioni di residenti e commercianti di Librino -afferma la consigliera comunale Ersilia Saverino -  Monte Po, San Giuseppe La Rena, Zia Lisa e molti altri quartieri che chiedono interventi di messa in sicurezza urgenti. In questo contesto sto preparando un dettagliato resoconto che in seguito consegnerò alle istituzioni preposte. Una mappatura delle zone rosse dove occorre cominciare immediatamente la bonifica dei terreni abbandonati. Un lavoro lungo e difficoltoso ma che può garantire l’incolumità dei migliaia di persone".

"I roghi dei giorni scorsi, sul viale Mario Rapisardi e tra San Giovanni Galermo e Trappeto Nord, - continua Saverino - sono segnali che non possono assolutamente passare in secondo piano. Tra poco arriveranno centinaia di chiamate ai vigili del fuoco che, come ogni anno, dovranno fare i salti mortali per assicurare l’incolumità delle persone. Come sempre le aree maggiormente a rischio si trovano nei quartieri della periferia sud di Catania. Migliaia di famiglie, circondate da terreni abbandonati e pieni di sterpaglie, che con il pericolo roghi ci convivono da anni. Basta un mozzicone di sigaretta per appiccare un incendio. Più grave è la situazione se, in mezzo alle sterpaglie secche, si trovano le discariche abusive. Luoghi adibiti all’abbandono illegale dei rifiuti pieni di materiale altamente infiammabile. Una scintilla può creare il panico".

"Ecco perché diventa fondamentale la creazione di fasce tagliafuoco e di opere di potatura e cura del verde. In particolare, - conclude la consigliera comunale - nell’ampia zona che riunisce i quartieri di San Giuseppe La Rena, Villaggio Sant’Agata, Santa Maria Goretti, Acquicella, Vaccarizzo, San Giorgio, Pigno, Librino e Zia Lisa l’obiettivo è quello di bonificare le aree maggiormente a rischio. Il primo passo verso quel piano antincendio che nella periferia sud di Catania si aspetta da anni".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Piante: perchè tenere in casa la Dracaena Fragrans

social

Bonus Tv 2021: come richiederlo ed ottenerlo

Sicurezza

Risparmio di acqua ed energia: consigli e sistemi innovativi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Confcommercio Fipe: "Basta dall'1 febbraio riapriamo"

  • Formazione

    Lavoro: le figure professionali più ricercate dalle aziende

  • Meteo

    Meteo, da una inusuale estate all'inverno in solo 7 giorni

Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento