Riserva di Fiumefreddo, serve un piano per trasferire la gestione ai comuni

I sindaci di Calatabiano e Fiumefreddo vorrebbero ottenere la gestione diretta della riserva naturale "Fiume Fiumefreddo"

Il sindaco della città metropolitana di Catania, Enzo Bianco, ha avviato una collaborazione con i primi cittadini di Calatabiano, Giuseppe Intelisano, e di Fiumefreddo, Marco Alosi che nei giorni scorsi avevano chiesto di poter ottenere la gestione della riserva naturale orientata "Fiume Fiumefreddo". Che in futuro potranno amministrare "in forma associata a mezzo di idonea convenzione o a mezzo di altro strumento associativo individuato quale più idoneo, tenendo conto delle eventuali prescrizioni contenute nell'atto concessionario/autorizzatorio".

"Solo la Regione può attribuire il potere gestionale delle proprie riserve - ha risposto loro Bianco - ma il vigente regolamento prevede che per le aree della zona 'B' i comuni interessati, di intesa fra loro, possano presentare all'assessorato regionale per il Territorio e l'Ambiente un piano di utilizzazione per l'individuazione di iniziative volte alla valorizzazione dell'area. Questo consentirebbe di offrire ai visitatori ed alle comunità ricadenti nel territorio della riserva servizi più ampi, in virtù del fatto che le amministrazioni locali hanno più diretta conoscenza di quella collettività".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento