Rissa con spranghe e bottiglie: denunciati 5 giovani incensurati

I carabinieri di Paternò sono risaliti all'identità dei partecipanti grazie all'analisi delle videocamere di sorveglianza: si tratta di ragazzi di età compresa tra i 16 e i 25 anni

I carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Paternò hanno denunciato 5 giovani paternesi, di età compresa tra i 16 e i 25 anni, tutti incensurati, poiché ritenuti responsabili di rissa. È stata immediata la risposta dell’Arma nell’identificare e denunciare gli autori della rissa che nella notte tra domenica e lunedì hanno creato il panico in piazza Umberto, luogo in cui, dopo una parola di troppo, espressa forse dopo aver abusato di sostanze alcoliche, cinque giovani paternesi se le sono date di santa ragione, con tanto di inseguimento finale con spranghe e bottiglie in mano di uno dei contendenti fino all’ingresso di un pub della zona. Grazie alla mediazione del proprietario del locale, più volte strattonato e minacciato, e alle sirene dei carabinieri, nel frattempo avvisati telefonicamente, hanno messo in fuga gli scalmanati evitando conseguenze ben più gravi. Gli investigatori dell’Arma, lavorando giorno e notte, sono riusciti ad analizzare ogni singolo fotogramma del video registrato dalla telecamera di sicurezza attiva all’entrata del pub, riuscendo a dare una identità ad ognuno dei giovani partecipanti alla rissa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento