La polizia interrompe una rissa in stazione tra due uomini e una donna

L’affluenza dei vacanzieri è stata altissima, fino a toccare picchi massimi nelle giornate del 14 e 15 agosto

L’attività svolta nel periodo di ferragosto dalla Polizia Ferroviaria etnea ha permesso di controllare 1.241 persone di cui 3 soggetti sono stati indagati in stato di libertà. Nella settimana dal 10 al 15 agosto, la polizia ferroviaria ha intensificato i controlli in stazione e nei principali siti di interesse turistico. L’affluenza dei vacanzieri è stata altissima, fino a toccare picchi massimi nelle giornate del 14 e 15 agosto, per l’usanza consolidata dei ragazzi di passare la notte del ferragosto in spiaggia e rientrare nella giornata successiva, a cui si aggiungono i turisti che intendono raggiungere località come Taormina o Siracusa. Un abitudine che vede l’incremento di passeggeri sui treni in maniera esponenziale e mette a dura prova l’apparato di sicurezza a bordo treno e lungolinea. Sono impiegate 33 pattuglie, 7 sono stati i servizi specifici antiborseggio organizzati in stazione, 15 le pattuglie impiegate a bordo treno, 28 i treni scortati e 9 le pattuglie lungolinea. I tre soggetti denunciati dovranno rispondere al giudice per una rissa avvenuta all’interno della stazione centrale. Le aggressioni reciproche, sono state fermate dagli operatori in stazione. Dopo aver calmato gli animi, hanno accompagnato i due uomini ed una donna in ufficio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento