Rissa tra dipendenti comunali, il sindaco: "Comportamenti inqualificabili"

La speciale commissione per i procedimenti disciplinari, che oggi si è riunita in via straordinaria e urgente, ha comminato in via cautelare la sospensione temporanea dal lavoro per 30 giorni per i due

La speciale commissione per i procedimenti disciplinari, che oggi si è riunita in via straordinaria e urgente, ha comminato in via cautelare la sospensione temporanea dal lavoro per 30 giorni, ai due dipendenti comunali autori di una rissa all’interno della chiesa di San Nicolò l’Arena di piazza Dante, ripresa con la telecamera di un telefonino da due turisti stranieri in visita al monumento.

Nei prossimi giorni, i due dipendenti verranno sentiti dall’ufficio di disciplina per dare spiegazioni dell’accaduto, a quanto pare causato da futili motivi, al fine dell’irrogazione della definitiva sanzione, a norma di legge e regolamento.

Il sindaco Salvo Pogliese, che si è tenuto costantemente informato sull’adozione di urgenti misure sanzionatorie, ha ribadito: “L’amministrazione sarà sempre più inflessibile e rigorosa con chi compie gesti inqualificabili come quelli di questi due dipendenti, che hanno leso gravemente l’immagine della città. Sappiano tutti che di fronte a comportamenti poco consoni a un pubblico dipendente, soprattutto se adibito a compiti di accoglienza, verrà usata la massima severità perché il Comune, per primo, deve dare un’immagine della città efficiente nei servizi e accogliente verso i turisti, a cui vanno le nostre dovute scuse quando ciò purtroppo non accade come in questo caso”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento