Ritrova pistola nella casa del nonno defunto, ma è di uno zio: indagato

Dopo un'attività investigativa del commissariato Borgo Ognina, è stato però accertato che la pistola non era di proprietà del defunto ma di altra persona

Denuncia alla polizia il ritrovamento, presso l’abitazione del nonno defunto, di una rivoltella calibro 38 SP pensando, nello specifico, fosse di sua proprietà. Dopo un'attività investigativa del commissariato Borgo Ognina, è stato però accertato che la pistola non era di proprietà del defunto ma di altra persona, uno zio ancora in vita che, così come emerso della documentazione in possesso della polizia di Stato, l’avrebbe dovuta detenere in altro domicilio assieme ad altre armi (un fucile ed una canna per fucile).

Effettuato il controllo presso il domicilio, è emersa la grave negligenza dell'uomo: infatti, oltre alla mancanza della rivoltella, è stato appurato che il fucile era detenuto presso l’abitazione di un congiunto mentre la canna presso il domicilio di una terza persona, comunque affine.

E' stato indagato in stato di libertà per avere custodito le armi in luoghi diversi rispetto a quelli dichiarati all’Autorità di polizia. Anche una parente dell'individuo è stata indagata in stato di libertà per aver detenuto presso la propria abitazione, a titolo di cortesia, l’arma del suo parente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento