Rivolta immigrati, La Destra: "Chiudere il CARA di Mineo"

I deputati regionali Nello Musumeci e Gino Ioppolo, dopo l'ennesima protesta degli extracomunitari, "sollecitano il presidente della Regione ad assumere forti iniziative per porre fine a questa tragica commedia"

“Altro che risorsa! Il Centro immigrati di Mineo è ormai diventato un problema grave tanto per gli ospiti quanto per la gente del territorio”. Lo denunciano i deputati regionali Nello Musumeci e Gino Ioppolo (La Destra), dopo l’ennesima protesta degli extracomunitari che stamane hanno occupato le strade adiacenti al Cara della provincia etnea.

In una nota, i due parlamentari “sollecitano il presidente della Regione ad assumere forti iniziative per porre fine a questa tragica commedia, mentre da quasi tre anni si gioca a minimizzare la portata di un fenomeno che appare già esplosivo. Che solidarietà è - si chiedono - quella di un governo che costringe quattromila persone a rimanere stipate in un contenitore circondato da filo spinato e capace di ospitarne meno della metà? Che solidarietà è quella di un governo che prolunga da un mese ad un anno la estenuante attesa degli immigrati per essere riconosciuti dalla burocrazia ministeriale come “rifugiati”? Che solidarietà è quella di un governo che determina e alimenta esasperanti conflitti fra gli impazienti immigrati e gli incolpevoli abitanti e agricoltori della zona, costretti da quasi tre anni a vivere un pesante clima di insicurezza e tensione, destinato ad alimentare un pericoloso sentimento di ostilità?”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo Musumeci e Ioppolo “a poco valgono gli sforzi e l’impegno profusi dalle forze dell’ordine e dal personale civile  che gestisce i servizi in quella struttura, se il governo romano continua a disattendere il “Patto per la sicurezza”, stipulato nel marzo 2011 anche con  la Prefettura e gli enti locali”. I due parlamentari invitano, quindi, il governatore della Sicilia “a smetterla di stare alla finestra e ad assumere ogni potere statutario, per pretendere dallo Stato almeno due iniziative immediate. Primo: la istituzione di una Commissione territoriale straordinaria che riduca ad un mese il tempo di attesa per il riconoscimento dello status di rifugiato agli ospiti. Secondo: la chiusura del Cara di Mineo e la creazione di una rete di piccole comunità d’accoglienza (Sprar, il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati), per un massimo di quindici ospiti, diffusa fra i Comuni del territorio,  mantenendo alti i livelli di sicurezza con la adeguata dotazione organica delle forze dell’ordine ”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, nel mirino i "fedeli collaboratori" del clan Santapaola-Ercolano: 21 arresti

  • Incidente stradale a Paternò, scontro fra due mezzi pesanti: un morto

  • Il "mistero" dei fuochi d'artificio di Picanello, sparati ogni giorno a mezzanotte

  • "Iddu" e "idda": il terrore di Giarre e Riposto, stroncata dai carabinieri la cupola di La Motta

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

  • Droga e mafia, altri 4 arresti nell’ambito dell’operazione "Overtrade"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento