Roghi di rifiuti, Drago e Ragusa (M5S): “Serve giro di vite immediato"

Gli esponenti del Movimento Cinque Stelle chiedono un intervento all'assessore Cantarella

“Nei quartieri di Cibali, San Nullo, San Giovanni Galermo ogni giorno vengono bruciati cumuli di rifiuti e le micro discariche di ingombranti che si formano sul territorio: sono dei veri e propri atti criminali che intossicano i residenti e che impegnano divese squadre dei vigili del fuoco”.

Lo afferma il consigliere della Quarta Municipalità del Movimento Cinque Stelle Giuseppe Ragusa che aggiunge: “Nonostante le segnalazioni fatte al Comune e all’azienda della raccolta rifiuti le discariche e i cassonetti presenti in arterie come viale Tirreno e Via G. Verdura sono stati bruciati. Si tratta di fatti gravissimi che proseguono con continuità sospetta”.

Sul tema è intervenuta anche la senatrice del Movimento Cinque Stelle Tiziana Drago: “Il Comune di Catania non può continuamente nascondersi dietro il pretesto di un bando non adeguato. La città è in fortissima sofferenza e i quartieri soffrono la mancata raccolta, i cassonetti stracolmi e i roghi di rifiuti che hanno cadenza pressoché quotidiana. Nonostante le sollecitazioni dei nostri consiglieri non si riesce a bonificare le aree per tempo, non si conoscono il numero di sanzioni elevate agli incivili e non sembra esserci nemmeno una strategia per contrastare gli abbandoni di rifiuti e i roghi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Si rischia una vera e propria emergenza sanitaria. La situazione è insostenbile: cassonetti e rifiuti a fuoco, fumi tossici e aria irrespirabile. Chiediamo un giro di vite per evitare il proseguimento di questa gravissima situazione che mette a rischio la salute e la vivibilità di Catania. Una città che ambisce ad essere meta turistica e che fa pagare una Tari estremamente esosa non può presentarsi
in queste condizioni di assoluto degrado e con una situazione fuori controllo. Chiediamo all’assessore all’Ecologia Fabio Cantarella di intervenire al fine di tutelare la salute pubblica: i cittadini non possono pagare un prezzo così alto”, ha concluso la senatrice Drago.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Prezzi delle case a Catania: la mappa zona per zona

  • Coronavirus, in Sicilia due nuovi casi e un morto

  • Superbonus edilizia: "Accelerare i tempi, serve meno burocrazia"

  • Rete di pusher agiva in diverse piazze di spaccio, scattano gli arresti

  • Coronavirus, in Sicilia situazione stabile: scoperto un nuovo caso

Torna su
CataniaToday è in caricamento