Romeni rubano recinzione del parco giochi di piazza Nettuno, fermati dalla polizia

I due erano diretti verso un campo rom e si erano allontati in auto. Chi guidava il mezzo non aveva nemmeno conseguito la patente

Hanno preso di mira le assi utilizzate per la realizzazione dello steccato di legno delimitante l’area giochi per bambini in Piazza Nettuno, i due cittadini rumeni che, nella serata di ieri, sono stati bloccati dagli agenti delle volanti.
I due, residenti presso il campo rom di San Giuseppe La Rena, erano stati segnalati, poco dopo le 20, alla sala operativa della Questura da un cittadino che si era accorto del movimento dei due malfattori i quali, dopo aver divelto la recinzione del parco giochi, l’hanno caricata in macchina e si sono allontanati.


Grazie alle dettagliate descrizioni degli uomini e della vettura utilizzata dalla coppiagli agenti sono riusciti a intercettarli tra via Messina e via Pittoresca. A quel punto, è stato difficile, per i due rumeni, dare spiegazioni credibili circa la presenza di quelle assi all’interno dell’auto e, ancor più arduo, è stato giustificare il fatto che il conducente della vettura non aveva mai conseguito la patente di guida.

Accompagnati in Questura, i due cittadini rumeni, pregiudicati per reati specifici, sono stati indagati per il reato di furto aggravato in concorso e per il reato di guida senza patente. Le assi dello steccato sono state riconsegnate immediatamente ai responsabili tecnici del Comune di Catania, che le hanno prese in consegna per il successivo ripristino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esplosione a Librino, ladri piazzano bomba davanti a un tabacchi: un morto

  • Assalto in banca con escavatore a Trecastagni: si cercano i ladri in fuga

  • "Cattivo Tenente", i nomi degli arrestati

  • Ragazze picchiano le compagne di scuola e diffondono il video sui social

  • Beccati a lavorare e confezionare 180 chilogrammi di marijuana, arrestati

  • Squadra mobile smantella piazza di spaccio a San Giovanni Galermo

Torna su
CataniaToday è in caricamento