menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Romeno costringeva connazionale a prostituirsi, picchiandola e minacciandola

Il giovane, dal 22 luglio scorso, ha trattenuto, in uno stato di soggezione continuativa una connazionale di 20 anni, nella propria abitazione a Mazzarrone

I carabinieri di Mazzarrone hanno fermato un 18enne, originario della Romania, per riduzione in schiavitù, sequestro di persona e lesioni personali. I militari hanno accertato che il giovane, dal 22 luglio scorso, ha trattenuto, in uno stato di soggezione continuativa una connazionale di 20 anni, nella propria abitazione a Mazzarrone costringendola a prostituirsi, picchiandola e minacciandola con un coltello da cucina ed una forbice da potatura.

Nella tarda serata di ieri, la ragazza, però, è riuscita a telefonare ai propri familiari chiedendo aiuto, utilizzando di nascosto il cellulare di uno dei clienti.

I militari, avvertiti dai genitori della vittima, sono immediatamente intervenuti nell’appartamento bloccando l'uomo e liberando la 20enne. La giovane è stata trasportata e medicata all’ospedale di Caltagirone, dove i sanitari hanno riscontrato delle ecchimosi e contusioni a spalle e gomiti, giudicate guaribili in 3 giorni.

Il coltello e le forbici da potatura utilizzati dal 18enne sono stati rinvenuti dentro casa dai carabinieri e sono stati sequestrati. L’arrestato è stato ristretto nel carcere di Caltagirone, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Forno a microonde: quali cibi non cucinare al suo interno

Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento