Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca Borgo / Via Gabriele D'Annunzio

"Rotonda naturale" al corso delle Province in prova da 60 giorni: "Bocciata"

L'associazione Confcommercio sul piede di guerra. Negativo il parere dei commercianti della zona. Come Rita Troina, titolare di "Alegria Bijoux", anche gli altri esercenti manifestano il loro disappunto: "Rumore, caos e clienti che non trovano posto neanche in doppia fila"

La nuova viabilità, già in prova da ben 60 giorni, decisa dall’amministrazione comunale in via Gabriele D’Annunzio all’incrocio con corso delle Province non piace ai commercianti e ai residenti della zona. Caos e incolonnamenti sulla strada mentre cala l’affluenza della clientela nelle attività commerciali e nei bar.

“L’amministrazione comunale – afferma Francesco Sorbello, vice direttore generale Confcommercio Catania - non mantiene la promessa di rivedere il piano nel caso di un forte calo delle vendite, così come stiamo registrando, e pertanto siamo costretti a manifestare tutto il nostro dissenso ma nello stesso tempo pronti a suggerire valide alternative”.

A conferma di quanto sostenuto dall'associazione, il parere dei commercianti della zona. Come Rita Troina, titolare di "Alegria Bijoux", anche gli altri esercenti manifestano il loro disappunto: "Rumore, caos e clienti che non trovano posto neanche in doppia fila".

"Da qualche mese a questa parte abbiamo notato un vistoso calo nelle vendite - dichiara la commerciante- anche persone affezionate che venivano puntualmente a comprare vestiti mi telefonano per dire 'non passo, c'è troppa fila'. E' vero che ci sono sempre i vigili urbani a controllare la situazione, ma in alcuni casi questo può essere addirittura un deterrente per chi, magari, vorrebbe accostare un attimo e ripartire subito dopo. I momenti peggiori sono dalle 9 alle 10 e mezza del mattino e dalle 18 alle 21, proprio gli orari più gettonati da chi si reca in centro a fare compere. Noi commercianti stiamo valutando la situazione e questo pomeriggio ci riuiniremo in assemblea per decidere quali forme di protesta adottare"

A parere della Confcommercio l’installazione di semafori “intelligenti” al posto delle rotatorie sarebbe una soluzione. I commercianti, che hanno anche affisso nelle loro vetrine alcuni manifesti contro l’operato dell’amministrazione, attendono adesso una risposta.

confcommercio-4

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Rotonda naturale" al corso delle Province in prova da 60 giorni: "Bocciata"

CataniaToday è in caricamento