Rompe il femore ad una pensionata per rubarle la collana: preso

Grazie alla denuncia dei familiari della vittima, i carabinieri sono riusciti a restringere il cerchio dei sospettati

Scaraventa una pensionata di 87 anni a terra davanti il cimitero per rubarle una catenina d'oro. Nessuno scrupolo per un pregiudicato di Grammichele, che ha causato la rottura del femore alla povera signora, appena uscta dal camposanto in cui si era recata per onorare la memoria del defunto marito.

I carabinieri hanno arrestato il 34enne Gesualdo Montemagno, già sottoposto alla sorveglianza speciale di pubblica sicurezza ed alle misure cautelari dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e di obbligo di dimora nel comune di residenza, poiché ritenuto responsabile di rapina aggravata, lesioni personali e violazione degli obblighi inerenti la misura di prevenzione cui era sottoposto. La signora è stata medicata dai medici dell’ospedale “Gravina e Santo Pietro” di Caltagirone, nosocomio presso il quale la poverina è tuttora ricoverata dopo essere stata sottoposta ad un delicato intervento chirurgico.

Grazie alla denuncia dei familiari della vittima, presentata ai carabinieri, gli investigatori sono riusciti a restringere il cerchio dei sospettati e, con la collaborazione di diversi testimoni presenti al momento del reato e della stessa vittima, hanno individuato con certezza l’autore. Il ladro è stato rintracciato ed ammanettato ieri notte all’interno della propria abitazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento