Ruba un cavo di rame di 80 metri: arrestato 47enne romeno

Il lungo cavo permetteva di gestire la circolazione tra le stazioni ferroviarie Acquicella e Bicocca

Gheorghe Cuti romeno di 47 anni è stato arrestato dalla polizia per furto aggravato di cavi di rame ai danni della rete ferroviariaiItaliana. Qualche giorno fa si è verificato un oscuramento dei segnali ferroviari tra le stazioni di Acquicella e Bicocca. Gli agenti della polizia ferroviaria certi hanno deciso di andare sul posto per gli accertamenti del caso. Durante l’attività di controllo, lungo il fascio dei binari adiacente la sottostazione elettrica di Fontanarossa, gli agenti hanno notato una persona chinata sulla sede ferroviaria che poneva un cavo all’interno di un borsone. Immediatamente hanno raggiunto il posto e bloccato il soggetto ancora intento a sistemare dei cavi di rame gommati per portarli via.

Le immediate verifiche effettuate dai tecnici hanno permesso di appurare che i cavi erano stati asportati dalla canalette in cemento poste accanto al binario. Il cavo asportato, circa 80 metri e del peso complessivo di 50 chilogrammi,  sezione 16x1 mm viene utilizzato, cosi come riferito dai tecnici, per gestire la circolazione tra le stazioni di Catania Acquicella e Bicocca.

L'uomo era già noto alla polizia ferroviaria per lo stesso reato,annoverando anche numerosi precedenti penali per reati contro il patrimonio commessi sia in Italia che in Francia. Il pm di turno ha disposto il giudizio per direttissimo e il giudice ha previsto la misura cautelare in carcere. Il ladro è stato inoltre denunciato per resistenza a pubblico ufficiale e per interruzione di un servizio di pubblica necessità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento