Rubano merce per 500 euro, arrestati alle "Porte di Catania"

In manette sono finiti i romeni, senza fissa dimora, Neculae Tiberiu Georgian e Cretu Andrei Catalin

I carabinieri di Librino hanno arrestato i romeni, senza fissa dimora, Neculae Tiberiu Georgian del 1986 e Cretu Andrei Catalin del 1993, ritenuti responsabili del concorso in furto aggravato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono stati bloccati e ammanettati da una pattuglia dell’Arma mentre tentavano di guadagnare la fuga con della merce rubata poco prima dagli espositori del punto vendita della catena “Auchan”, ubicato all’interno dell’area commerciale “Porte di Catania“. La refurtiva, del valore di oltre 500 euro, è stata restituita al responsabile dell’area commerciale, mentre gli arrestati, in attesa del giudizio per direttissima, sono stati trattenuti in camera di sicurezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Incidente autonomo in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Operazione antidroga, sequestrati 1.300 chili di marijuana: 6 arresti

  • Coronavirus, commercialista di Biancavilla morto al San Marco

  • Ricette false per ottenere i rimborsi, due medici sospesi ed otto farmacisti indagati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento