Foto, preghiere e furti nelle chiese: arrestati due catanesi

Hanno rubato diversi oggetti devozionali antichi, anche in oro prendendo di mira alcune chiese nelle Marche e in Emilia Romagna e mettendo a segno almeno otto colpi

Prima il 'pellegrinaggio' in chiese, nelle Marche e in Emilia Romagna, con foto e preghiere, poi i furti di oggetti devozionali antichi e anche in oro (uno spadino della Madonna addolorata, calici, pissidi, corone, ostensori, fregi) venduti in Compro Oro. Sono almeno otto i colpi contestati a vario titolo a due uomini del catanese domiciliati a Rimini, nell'ordine di custodia in carcere chiesto dal pm di Ancona Ruggiero Dicuonzo ed eseguito dai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio con i militari di Senigallia e Osimo.

Gli arrestati sono Salvatore Rizzo, 34 anni, ritenuto l'autore materiale dei furti, in carcere da luglio per un altro furto e detenuto dal 2008 al 2014; Salvatore Arturo Caudullo, 55 anni, collaboratore scolastico, presunto 'palo' in alcuni dei blitz compiuti tra marzo e giugno. Prese di mira chiese a Castelfidardo, Senigallia, Piacenza, Pesaro, Faenza e Imola. Alcuni oggetti sono stati recuperati in un Compro Oro a Rimini estraneo all'inchiesta. Di altri non si conosce la provenienza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento