Rubata l’auto all’imprenditore anti-racket Rosario Puglia

Ignoti mafiosi hanno rubato nel centro di Catania, la fiat panda dell'imprenditore di Linguaglossa, lasciata regolarmente parcheggiata e chiusa sotto lo studio del suo legale. Lo ha reso noto il presidente nazionale dell'associazione "I cittadini contro le mafie e la corruzione"

Ieri sera ignoti hanno rubato nel centro di Catania la Fiat "Panda" di Rosario Puglia, l'imprenditore di Linguaglossa che denunciò il racket e che da 22 giorni attua lo sciopero della fame per protestare contro "l'assenza dello Stato". Lo ha reso noto il presidente nazionale dell'associazione "I cittadini contro le mafie e la corruzione".

L'auto era parcheggiata nei pressi dello studio del legale di Puglia. "Da mesi - afferma Turri - Puglia conduce una battaglia contro le mafie e contro la burocrazia mafiosa che le sostiene insieme ad altri due imprenditori, Letterio Giuffrida e Franco Ragusa, anch'essi vittime del contesto mafioso che avvolge l'intera provincia etnea".

"Questo silenzio assordante di chi dovrebbe intervenire per far sì che non si fosse verificato questo ennesimo atto inquietante - continua - dimostra come si lascia soli chi cerca di opporsi alle mafie in Sicilia ed in tutto il Paese mentre i politici e i cultori dell'antimafia parlata e televisiva continuano a stare alla finestra pronti ad intervenire il giorno dopo che le vittime siano state sacrificate".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Le vicende dei tre imprenditori catanesi - prosegue Turri - hanno avuto ampio risalto sulla stampa nazionale, ma nonostante ciò, in Sicilia e al Ministero dell'Interno si continua a temporeggiare, quindi la nostra associazione organizzerà insieme all'associazione Antonino Caponnetto ed all'Associazione Nazionale del Testimoni di Giustizia nei prossimi giorni un sit-in di protesta sotto i palazzi romani per tentare di svegliare una politica che dei temi della lotta alle mafie ed alla corruzione ne fa solo 'chiacchiericcio volgare' e motivo di scontri solo per fini di potere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento