rotate-mobile
Venerdì, 19 Agosto 2022
Cronaca

Rubavano auto decodificando i codici di accesso con una centralina elettronica: obbligo di dimora per tre persone

La polizia di Stato ha eseguito tre ordinanze di custodia cautelare nei confronti di altrettanti soggetti accusati di reati contro il patrimonio, in particolare furto di autovetture

G.D., R.M., A.L., rispettivamente di anni 45, 43 e 42, tutti con precedenti specifici per reati contro il patrimonio, in particolare furti di autovetture, sono i destinatari di tre ordinanze di custodia cauteare con obbligo di dimora eseguite dalla squadra mobile e dalla polizia stradale di Ragusa, con la collaborazione dellasquadra mobile di Catania.

Le ordinanze cautelari sono state emesse nei giorni scorsi dal gip di Ragusa che ha confermato i gravi indizi di colpevolezza raccolti dagli uffici investigativi durante l'attività investigativa che, nel giro di pochi mesi, ha permesso di ricostruire una serie di episodi di furti di autovetture per un danno patrimoniale arrecato alle vittime di circa duecentomila euro.

I diversi furti denunciati hanno evidenziato un modus operandi univoco: commessi in vari comuni della Sicilia orientale, i furti sarebbero avvenuti sempre di notte e con l’utilizzo di una centralina elettronica che permetteva di decodificare i codici di accensione delle autovetture, riuscendo ad asportarle nel giro di trenta secondi. Due dei responsabili degli innumerevoli furti sono stati raggiunti dalle misure cautelari mentre si trovavano ristretti in carcere per altra causa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rubavano auto decodificando i codici di accesso con una centralina elettronica: obbligo di dimora per tre persone

CataniaToday è in caricamento