Rubavano i soldi dei ticket, arrestati due dipendenti dell'Asp

Le indagini hanno permesso di accertare come i due abbiano detratto una parte degli importi pagati dagli utenti come ticket nelle casse dell’Asp di Catania

Camillo Nicotra ed Alfio Principato sono stati arrestati e posti ai domiciliari dalla polizia di Stato, per ordine del Gip del tribunale di Catania. Sono ritenuti responsabili, in concorso tra loro, del reato di peculato. Avrebbero infatti sottratto a partire dal gennaio 2013, delle grosse somme di denaro, dalla cassa dell'Asp presso il presidio ospedaliero di Acireale, fino al mese di febbraio 2018, avendo per ragioni di servizio, la disponibilità ed il possesso delle somme di denaro relative al pagamento delle prestazioni sanitarie. Il danno economico all’Azienda Sanitaria Provinciale di Catania è stato quantificato in 303.263,86 euro per Nicotra e 235.371,47 euro per Principato.

In particolare, le indagini hanno permesso di accertare come, in maniera sistematica, i due abbiano detratto una parte degli importi pagati dagli utenti come ticket nelle casse dell’Asp di Catania, correlando le somme detratte a rimborsi fittizi in favore di altri utenti. In tal modo, i due dipendenti assicuravano la corrispondenza tra l’incasso giornaliero - la cui reale consistenza veniva occultata poiché calcolato al netto dei rimborsi effettuati - e le somme effettivamente depositate nella cassaforte dei vari presidi ospedalieri in cui lavoravano. Nei loro confronti è scattato anche un sequestro di beni pari alle somme detratte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento