Dipendenti dei Salesiani da 24 mesi senza stipendio: "Di chi è la colpa?"

I 172 dipendenti dei Salesiani della provincia di Catania questa mattina hanno aderito ad uno sciopero promosso dalla Snal Confsal per manifestare la loro preoccupazione per le sorti dell'ente per cui lavorano da anni

Da 24 mesi non percepiscono regolarmente lo stipendio e nonostante abbiano sottoscritto il primo di aprile dei contratti di solidarietà, riducendosi lo stipendio e le ore di lavoro, non hanno certezza sul loro futuro. I 172 dipendenti dei Salesiani della provincia di Catania questa mattina hanno aderito ad uno sciopero promosso dalla Snal Confsal per manifestare la loro preoccupazione per le sorti dell'ente per cui lavorano da anni. "L'amministrazione riferisce che i problemi di pagamento sono dovuti a ritardi da parte della Regione - spiega il segretario regionale Giuseppe Milazzo - ma abbiamo saputo che proprio gli uffici palermitani dell'Assessorato hanno chiesto recentemente le pezze d'appoggio senza ottenere risposta".

"Non ci preoccupano soltanto i troppi mesi arretrati, - scrivono i dipendenti in una nota indirizzata ai vertici dell'Ente- bensì ci pare che si continui a navigare a vista, senza una seria programmazione in merito a eventuali interventi da mettere in atto sia sul piano progettuale futuro, poichè è risaputo che la dipendenza da un unico fornitore di reddito è fonte di gravissimi rischi, sia sul piano manageriale e gestionale, che su quello amministrativo contabile. Non conosciamo le gravi inadempienze della Regione e dei suoi uffici, comprendiamo l’esistenza di un muro di gomma che nasconde un diffuso malaffare che ha afflitto la nostra Regione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento