menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pogliese vince il ricorso contro la sospensione: è nuovamente sindaco di Catania

Pogliese era stato condannato a quattro anni e tre mesi per peculato dal tribunale di Palermo per l'uso di rimborsi spesi quando era capogruppo all'Ars del Pdl, ed è stato successivamente sospeso per 18 mesi

Il Tribunale civile di Catania, accogliendo la richiesta del collegio di difesa sulla fondatezza della questione di legittimità costituzionale relativa all'applicazione della legge Severino, ha trasmesso gli atti della richiesta di "annullamento" alla Corte costituzionale sulla sospensione dall'incarico di sindaco di Salvo Pogliese. La decisione è esecutiva e Pogliese, che era stato sospeso dall'incarico per 18 mesi per essere stato condannato a quattro anni e tre mesi per peculato dal Tribunale di Palermo per l'uso di rimborsi spesi quando era capogruppo all'Ars del Pdl, e' reintegrato nell'incarico di sindaco

Pogliese, assieme ad altri 4 ex deputati regionali, era stato infatti condannato a quattro anni e tre mesi per peculato dal tribunale di Palermo per l'uso di rimborsi spesi quando era capogruppo all'Ars del Pdl, ed è stato successivamente sospeso per 18 mesi dall'incarico di sindaco dalla Prefettura di Catania.

Il ricorso è stato presentato dai suoi legali al giudice civile sostenendo la "illegittimita' costituzionale" della legge Severino per "violazione della Costituzione e della Convenzione Europea dei Diritto dell'Uomo". Contestato anche "un vizio di incompetenza ed eccesso di potere" perché, si sostiene nel ricorso, "la legge si limita ad attribuire al Prefetto il potere di disporre il solo accertamento delle cause di sospensione". Nel procedimento si è costituita la Prefettura con l'Avvocatura dello Stato ed è intervenuta la Procura. Entrambe hanno avevano chiesto il rigetto del ricorso.

"Con il cuore colmo di gioia e di emozione vi annuncio che questa mattina sono stato reintegrato nella carica di Sindaco. Il tribunale di Catania ha infatti riconosciuto la fondatezza della questione di legittimità costituzionale relativa all'applicazione della legge Severino, sollevata dai miei legali, demandandone la risoluzione alla Corte Costituzionale - ha dichiarato Pogliese con un post su Facebook - Ringrazio tutti coloro che in questi mesi mi sono stati sinceramente vicini in un momento difficile della mia vita e gli avvocati Eugenio Marano, Claudio Milazzo e Felice Giuffrè Adesso tornerò a servire la mia città, con lo stesso entusiasmo, la stessa passione, la stessa determinazione che avevo quando nella primavera del 2018 decisi di rinunciare a un comodo seggio da europarlamentare, alle indennità e alle immunità previste da quel ruolo, per servire una Catania sofferente e prossima al dissesto. Lo farò con ancora più determinazione di allora, perché la mia scelta è Catania".
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

McDonald’s, l’iniziativa "Sempre aperti a donare" arriva a Catania

Arredare

Soffitto: alcune idee per valorizzarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento