San Berillo, le case della prostituzione in affitto a 400 euro

Le case sequestrare a San Berillo, saranno restituite solo dopo il processo. I denunciati per sfruttamento della prostituzione sono due trans e due lucciole, ormai in pensione

Le case sequestrare a San Berillo, saranno restituite solo dopo il processo. I denunciati per sfruttamento della prostituzione sono due vecchi trans e due lucciole, ormai in pensione, che avevano affittato gli appartamenti  di loro proprietà alle colombiane.

Dentro le case non c'erano servizi nè mobili. Solo letti dove consumare i rapporti a pagamento. Il corrispettivo dell'affitto era di 400 euro al mese. Gli immobili in questione, saranno restituiti ai proprietari ma per ora sono "corpi del reato" e, pertanto, rimarranno sigillati fino al processo. Il servizio di controllo svolto dai carabinieri di Piazza Dante non si è concluso con il blitz di martedì: sono in corso altri accertamenti e non si esclude che altri sequestri possano essere eseguiti nelle prossime ore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento