menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

San Cono, tentato furto di bancomat con una gru: due arresti

I malfattori hanno utilizzato per la rapina un autocarro Iveco rubato nel maggio dello scorso anno a Misterbianco, dotato di gru di sollevamento con la quale il bancomat stava per essere agganciato e caricato

Alle prime luci di ieri mattina, intorno alle 6.00, una banda di malviventi ha tentato di asportare l’apparecchio bancomat dell’Agenzia Intesa San Paolo sita in via Eugenio Montale. I delinquenti hanno dovuto desistere dal loro intento criminale al sopraggiungere di una pattuglia di Carabinieri della locale Stazione allertata da una telefonata di un privato cittadino al 112.

Sul luogo, prima di darsi alla fuga a bordo di due auto e di uno scooter, i malfattori hanno abbandonato un autocarro Iveco rubato nel maggio dello scorso anno a Misterbianco, dotato di gru di sollevamento con la quale il bancomat stava per essere agganciato e caricato.

La notizia del tentato furto e della fuga dei delinquenti trasmessa dalla Centrale Operativa di Caltagirone a tutti i Reparti delle province di Catania, Caltanissetta ed Enna ha consentito poco dopo ad un equipaggio dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Piazza Armerina di  intercettare lungo la strada statale 117 bis  una Panda, simile alla descrizione fornita dai militari di San Cono, che alla vista della gazzella ha tentato di fuggire.

L’inseguimento di breve durata ha avuto fine lungo la strada provinciale 13, in località Cimia di San Cono, dove i due occupanti sono stati bloccati e tratti in arresto. In manette sono finiti i catanesi C.G. del 1976, pregiudicato e G.M. del 1982. Nella battuta è stato impiegato anche un velivolo del Nucleo Elicotteri di Catania che ha individuato poco dopo, abbandonata nei pressi di un casolare, la seconda autovettura impiegata dai malviventi per il colpo (Fiat 500). Gli arrestati sono stati trasferiti al carcere di Caltagirone e posti a disposizione dell’Autorità Giudiziaria avanti alla quale dovranno rispondere dei reati di tentato furto aggravato, ricettazione e danneggiamento.

Tutti gli automezzi sono stati sequestrati e saranno sottoposti ad accertamenti tecnici.

Sono in corso le indagini mirate ad identificare tutti componenti della banda e le responsabilità degli arrestati in altri, simili eventi.

Il bancomat è stato restituito ai responsabili dell’azienda di credito dopo i necessari accertamenti.

Quello di ieri è il sesto episodio negli ultimi due mesi in cui l’intervento dei militari dell’Arma ha consentito di impedire che venisse portato a termine il furto di un bancomat (4.11 San Giovanni Galermo; 25.11 Tremestieri Etneo; 9.12 Viagrande; 15.12 Misterbianco e San Giovanni la Punta; 16.12 San Pietro Clarenza).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

McDonald’s, l’iniziativa "Sempre aperti a donare" arriva a Catania

Arredare

Soffitto: alcune idee per valorizzarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento