San Francesco La Rena: demolite le "storiche" costruzioni abusive

L'iniziativa Comunale attua precise disposizioni di legge che impongono l'abbattimento e il ripristino dello stato dei luoghi per gli immobili costruiti in aree soggette a vincoli di inedificabilità

Dalle prime luci dell’alba gli operai del Comune di Catania stanno demolendo le costruzioni abusive realizzate, parecchi anni addietro, nel rione “San Francesco La Rena” e ricadenti nell’Oasi del Simeto dove vige il divieto di edificabilità assoluta.

L’iniziativa dell’Amministrazione Comunale attua precise disposizioni di legge(l.r. 37/85 art. 2) che impongono l’abbattimento e il ripristino dello stato dei luoghi per gli immobili costruiti in aree soggette a vincoli di inedificabilità, tra cui quelli ricadenti entro i 50 metri della battigia. L’amministrazione comunale sta intervenendo con propri mezzi per compiere gli abbattimenti dei manufatti e rimuovere gli inerti da conferire in discarica.

”Sulle demolizioni -ha detto il sindaco Stancanelli che dalle ore 9,00 è sul posto per sovrintendere alle operazioni- troppe remore in passato hanno bloccato gli interventi delle Amministrazioni Locali che invece sono obbligatori per legge come la Procura ha fatto giustamente rilevare. E’ un’operazione che ha costi economici non indifferenti ma che tra i primi realizziamo e che nei limiti delle nostre disponibilità di bilancio intendiamo portare avanti con determinazione, perché anche in questo campo la legalità a Catania non può sottostare a ulteriori ritardi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento