San Giovanni Galermo e le grandi incompiute: gli assi viari mai realizzati

Sarebbero in grado di snellire il traffico dello storico quartiere etneo. Si tratta dell'asse viario di via Orsa Minore e del progetto "nord ovest". Di recente il sopralluogo della commissione Lavori Pubblici. "Entrambi i progetti erano stati appaltati nel 1999" precisa il consigliere Giuseppe Catalano

Il nodo viabilità resta cruciale nel territorio di San Giovanni Galermo. Da anni infatti, esattamente dal 2010, tra le strade del quartiere etneo restano due le opere incompiute: l'asse viario "nord ovest" e via Orsa Minore. La Commissione Lavori Pubblici ha di recente compiuto un sopralluogo sul territorio, per verificare lo stato di entrambi i progetti rimasti incompleti e nel dimenticatoio. Entrambi potrebbero, se ultimati, dare respiro al traffico della zona.

A sollecitare la verifica sul luogo è stato il consigliere comunale Giuseppe Catalano, attualmente membro della commissione, ma che fino al 2013 ha ricorperto il ruolo di presidente della municipalità. "Entrambi i progetti sono stati appaltati nel 1999 - spiega Catalano ripercorrendo la storia passata - ma sono stati poi interrotti e ripresi più volte, fino al definitivo abbandono a causa della lievitazione dei costi e della conseguente mancanza di fondi dopo i finanziamenti iniziali"

La sfumata realizzazione dei progetti non permette oggi di decongestionare il traffico all'interno del quartiere. Tra le auto che provengono dai paesi limitrofi, quali San Pietro Clarenza, Mascalucia, si sommano quelle che cercano invece di raggungerli, creando in questo modo una situazione di estremo caos e impasse.

I nodi cruciali sono due nello specifico: il progetto di via Orsa Minore è completato soltanto al 70%, con il mancato collegamento tra la via Don Minzoni e le arterie stradali dirette versi i paesi circostanti; l'asse nord-ovest, invece, a causa di una rotonda mai portata a termine, non riesce ad impedire il flusso del traffico verso la storica via Luisella. Entrambi i progetti, inoltre, si interrompono nella cosiddetta "Madonnina", capolinea degli autobus cittadini. L'unico modo per completare i lavori sarebbe quello di reperire ulteriori fondi. La commissione Lavori Pubblici starebbe cercando di muoversi in tal senso, anche se raggiungere l'obiettivo non sembra affatto facile: "I finanziamenti potrebbero essere reperiti dalla Regione o dal governo nazionale" conclude il consigliere Catalano, membro della commissione Lavori Pubblici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento