San Giovanni Galermo, controllata una villa per ricevimenti e cerimonie senza autorizzazione

Gli agenti giunti sul posto, si sono trovati nel bel mezzo di un ricevimento nuziale previsto per l’ora di pranzo e di alcuni invitati che erano in attesa degli sposi

foto archivio

Controlli della polizia in una villa per ricevimenti e cerimonie via Currolo n. 200/A, zona San Giovanni Galermo. Gli agenti giunti sul posto, si sono trovati nel bel mezzo di un ricevimento nuziale previsto per l’ora di pranzo e di alcuni invitati che erano in attesa degli sposi. A quel punto, attesa la necessità di preservare l’evento nuziale gli operatori, dopo aver chiamato il personale Asp (veterinari e igiene pubblica) e la Polizia Annona, hanno constatato che il titolare del locale non era sul posto ed il responsabile di sala, al momento del controllo, non era in grado di esibire alcuna documentazione riguardante detta attività.

Dopo aver effettuato gli atti preliminari, quindi, consegnavano al responsabile di sala un invito in cui si intimava al titolare di presentarsi presso gli uffici di polizia.  

Al titolare  dell’ attività, è stata contestata: una violazione all’art. 22 del Codice della strada in quanto sprovvisto di autorizzazione per il passo carrabile per un importo di 169 euro; una sanzione amministrativa riguardante la mancanza di scia per la somministrazione di alimenti e bevande di cui all’ art. 64 comma 1 e 9 Decreto Legislativo 59/2010 per un importo di 5 mila euro; una sanzione amministrativa riguardante la mancanza Dia sanitaria  per la somministrazione di alimenti e bevande di cui all’art.6 Regolamento C.E. del 29/04/2004 n. 852 per un importo di 3000 euro.

Nella stessa giornata, sempre a cura del personale in servizio al commissariato Borgo-Ognina, sono stati effettuati controlli di vari soggetti sottoposti agli arresti domiciliari e, nella circostanza, in via Antonio Cagnoni 27 e 23/A è stato controllato un uomo detenuto ai domiciliari nella cui abitazione vi era il furto di energia elettrica e per tale motivo la moglie, responsabile  del citato furto, veniva denunciata in stato di libertà per gli artt 624 e 625 C.P.. Infine, effettuati diversi controlli su persone, veicoli ed esercizi commerciali.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento