San Giovanni Galermo, incendio in una discarica abusiva

Accanto ai cassonetti di via Allegria c'è chi scarica di tutto. Qualche sera fa i cassonetti hanno preso fuoco. La denuncia del consigliere Nauta

Via Allegria, ma anche via San Vitale e via Kolbe, nel quartiere di San Giovanni Galermo, sono strade isolate dove soprattutto di notte e alle prime luci dell'alba c'è chi scarica ciò che vuole. Non mancano eternit, sanitari, pezzi di mobili, ma anche comuni sacchi di spazzatura, proprio accanto ai cassonetti della differenziata. L'immagine è quella di una vera discarica abusiva sul ciglio della strada, che qualche giorno fa, ha purtroppo preso fuoco.

"Questa insostenibile situazione dura da tempo. - ci dice il consigliere della quarta circoscrizione Francesco Nauta - Pare che i cittadini dei paesi etnei che si rifiutano di fare la raccolta differenziata porta a porta lascino qui, a San Giovanni Galermo, la loro immondizia. I cassonetti vengono riempiti già dal mattino presto. Ho presentato in commissione ambiente una mozione per richiedere una convenzione con un'associazione onlus che si occupa di guardia ambientale e potrebbe presidiare gratuitamente il territorio. Senza sorveglianza durante il giorno qui si crea uno scempio". 

"Faccio appello all'amministrazione per risolvere il problema in maniera definitiva  - conclude Nauta - perchè con l'incendio generato l'incolumità degli abitanti della zona è stata messa seriamente a rischio. In più, con tutta questa spazzatura le condizioni igenico- sanitarie di queste strade ne stanno risentendo moltissimo. Chiedo dunque, l'istallazione di telecamere di sorveglianza o qualsiasi altra soluzione ritenuta idonea per elminare questa discarica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento