San Giovanni La Punta, minaccia i genitori per soldi: arrestato

Un ventenne ha tentato di dare fuoco ai genitori e alla loro abitazione dopo avere chiesto loro seimila euro in contanti per giocare ai videopoker. I carabinieri lo hanno arrestato per tentata estorsione

I carabinieri di Viagrande hanno arrestato D. S., ventenne originario di San Giovanni La Punta, per tentata estorsione. Ieri pomeriggio,
il giovane ha telefonato alla madre per l'ennesima volta, chiedendo la somma di 6000 euro in contanti che sarebbero serviti, secondo quanto affermava il ragazzo, per acquistare un motociclo. Al rifiuto della madre, il giovane è esploso in una reazione di rabbia, minacciando di dare fuoco a entrambi i genitori e all'abitazione dove vivono.

Padre e madre impauriti dalle pressanti minacce del figlio che negli ultimi tempi aveva più volte avanzato richieste di denaro per soddisfare il suo desiderio di giocare ai videopoker si sono recati dai carabinieri per denunciare quanto si stava verificando.

Durante la denuncia, il ragazzo ha più volte contattato la madre per reiterare la richiesta estorsiva, continuando a minacciarla gravemente. A questo punto, i carabinieri hanno scortato la donna all’appuntamento che quest’ultima aveva preso con il figlio per la consegna del denaro presso una sala giochi di San Giovanni La Punta e lo hanno arrestato per tentata estorsione. S.D. è stato condotto presso la casa circondariale di Catania piazza Lanza a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento