San Gregorio, commemorazione dei caduti in guerra

L’assessore Zappalà: "Anche se in forma statica onoreremo i nostri concittadini immolatisi per la Patria”

Anche quest'anno l'amministrazione comunale di San Gregorio commemorerà i propri figli caduti in tutte le guerre. Due corone d'alloro, infatti, saranno deposte rispettivamente al vecchio monumento ai caduti di piazza Guglielmo Marconi e in quello nuovo di piazza Caduti in guerra. La cerimonia avrà inizio alle ore 10 proprio in Piazza Marconi, davanti al Municipio, dove autorità, civili, militari religiose e rappresentanti di associazioni assisteranno alla deposizione di una corona di alloro per i figli che San Gregorio ha dato durante i due grandi conflitti bellici e nelle guerra d’Africa. A fare da sottofondo alla cerimonia saranno le note degli inni patriottici intonati dal Complesso bandistico “Città di San Gregorio” diretto dal maestro Giuseppe Scavo. Subito dopo un'altra cerimonia analoga sarà ripetuta davanti al nuovo monumento dei caduti di piazza Caduti in guerra. Quindi la santa benedizione del parroco, don Ezio Coco che alle ore 11 celebrerà la santa messa nella chiesa di Santa Maria degli Ammalati. Nelle piazze il complesso bandistico intonerà brani e inni patriottici per ricreare l'atmosfera e le emozioni che quei giovani soldati vissero prima di immolarsi per la Patria. «Quest’anno il programma è stato ridimensionato per il problema covid – ha commentato l’assessore al Turismo e Spettacolo Giovanni Zappalà -. L'amministrazione comunale, con in testa il sindaco Corsaro, intende continuare i programmi prefissati, rispettando i dettami sicurezza ma senza farsi intimorire dal covid, per ricordare i valorosi combattenti morti in tutte le guerre. «La cerimonia si svolgerà in forma statica – ha continuato Zappalà – cioè non vi saranno cortei né folle in movimento, ma la gente potrà assistere staticamente all’evento. Anche la banda suonerà da ferma. Amministrare in un momento così complicato – ha concluso l’assessore Zappalà – non ci permette di programmare con certezza gli eventi ma vogliamo mantenere lo stesso i programmi e gli appuntamenti tradizionali per dare sicurezza alla gente che ha bisogno di normalità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento