Ospedale San Marco, Musumeci: " Caos senza fine, venga fatta chiarezza"

Il segretario Musumeci si oppone al trasferimento del pronto soccorso dal Vittorio Emanuele al Policlinico mentre si attende l'apertura della nuova struttura

Siamo stanchi di assistere, giorno dopo giorno, al ping pong tra dichiarazioni e annunci, molte volte smentiti dai fatti, promesse ed impegni sull’apertura dell’ospedale “San Marco” ed il completamento della nuova rete ospedaliera etnea con la definizione dei presidi di pronto soccorso della stessa struttura di Librino e del Policlinico e la concomitante chiusura di quello del Vittorio Emanuele. Un caos senza fine che si sta giocando sulla pelle di migliaia di cittadini catanesi che esigono chiarezza.”

E’ questo lo sfogo del segretario generale territoriale della Ugl Giovanni Musumeci che chiede alla politica un segnale forte allo scopo di ristabilire la verità su una vicenda tanto intricata quanto delicata.

La sensazione è che ancora oggi - continua Musumeci -, volutamente, si stia continuando a brancolare nel buio mentre le operazioni di trasloco del pronto soccorso dal Vittorio Emanuele al Policlinico stanno procedendo speditamente. Continuiamo a ribadire che questa è una forzatura che rischia di creare non pochi disagi alla città di Catania, il cui centro dovrà fare affidamento soltanto sul punto di emergenza del “Garibaldi” inadeguato, a livello sia di strutture che di risorse umane, a servire un bacino d’utenza così enorme. In più si apprende che dovranno essere valorizzate le professionalità già in organico, questo significa in poche parole che il personale in servizio sarà chiamato a gestire ben tre ospedali!"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Tutto ciò mentre nulla si sa sul rinnovo dei contratti al personale in scadenza a fine mese e le graduatorie dei concorsi già banditi rimangono ancora ferme, così come evidenziato dal nostro coordinatore nazionale del settore docenza e dirigenza della federazione nazionale università Raffaele Lanteri, quasi a voler ormai aspettare una nuova infornata di bandi nell’imminenza di una tornata elettorale - aggiunge Musumeci - . Ci troviamo, dunque, di fronte ad un quadro apocalittico dove il caos fa da padrone ed i dubbi diventano sempre più certezze. Siamo infatti sicuri che il nuovo ospedale di Librino avrà anche il suo pronto soccorso? Abbiamo serie perplessità che ci inducono a pensare come il vecchio sogno del San Marco sia morto ancor prima di nascere. Per questo chiediamo - conclude il segretario dell'Ugl - alla politica tutta di gettare la maschera, di lasciar perdere il gioco delle parti e dire tutta la verità ai cittadini, che meritano trasparenza e rispetto. Chiediamo infine che venga finalmente convocato l’incontro con l’assessore regionale, auspicato dal sindaco Enzo Bianco, alla presenza delle organizzazioni sindacali.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, nel mirino i "fedeli collaboratori" del clan Santapaola-Ercolano: 21 arresti

  • Il "mistero" dei fuochi d'artificio di Picanello, sparati ogni giorno a mezzanotte

  • "Iddu" e "idda": il terrore di Giarre e Riposto, stroncata dai carabinieri la cupola di La Motta

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

  • Droga e mafia, altri 4 arresti nell’ambito dell’operazione "Overtrade"

  • Covid, bonus matrimonio: governo Musumeci stanzia oltre 3 milioni di euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento