San Nullo - Trappeto, tre arresti per furto aggravato di autovettura in concorso

Nel corso di un servizio finalizzato alla repressione dei furti di autovetture nelle zone cittadine di San Nullo - Trappeto, dove ultimamente sono stati rubati numerosi veicoli, la Polizia ha notato transitare in via Santa Rosa da Lima una autovettura Fiat Panda seguita a ruota da una Fiat Multipla

La scorsa notte, la Polizia ha arrestato i catanesi S.R. di anni 33 pregiudicato, D.G. di anni 37 pregiudicato, I.F.R. di anni 24 pregiudicato, per il reato di furto aggravato di autovettura in concorso.  In particolare, nel corso di un servizio effettuato nella nottata di ieri e finalizzato alla repressione dei furti di autovetture nelle zone cittadine di San Nullo – Trappeto, dove ultimamente sono stati rubati numerosi veicoli, la Polizia ha notato transitare in via Santa Rosa da Lima una autovettura Fiat Panda seguita a ruota da una Fiat Multipla.

Nel tentativo di sottoporre a controllo i due veicoli, è stato riconosciuto alla guida il pregiudicato I.F.R., noto al personale operante come persona dedita al furto di veicoli. Questi però, così come il conducente dalla Fiat Panda, anziché fermarsi, ha accelerato repentinamente la marcia cercando di fuggire. Nell’immediatezza sono riusciti a fermare solo la Fiat Panda, bloccando l’unica persona a bordo, che veniva identificato per il pregiudicato S.R.

Effettuando una scrupolosa perlustrazione in zona, è stata poco dopo rintracciata anche la Fiat Multipla sfuggita al controllo, che risultava abbandonata frettolosamente dagli occupanti che avevano evidentemente proseguito la fuga a piedi.

Si è accertato così che il veicolo era stato appena rubato dai tre soggetti da una traversa della via Santa Rosa da Lima ad un ignaro abitante della zona, al quale successivamente il veicolo veniva restituito. 

I.F.R. è stato quindi tratto in arresto in attesa del processo per direttissima disposto dall’Autorità giudiziaria. Nel frattempo sono proseguite le ricerche degli altri due fuggitivi, uno dei quali come detto era stato riconosciuto subito, mente l’altro, grazie ad una serie di indizi acquisiti nel corso degli accertamenti effettuati, era stato identificato. Le ricerche dei due, rese alquanto difficili a causa delle pessime condizioni atmosferiche, si ampliavano fino a comprendere le zone delle abitazioni e dei luoghi maggiormente frequentati dai due soggetti. Nel corso della mattinata, finalmente, entrambi sono stati individuati nei pressi delle rispettive abitazioni e arrestati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento