Sanità, Bianco richiede la presenza di Gucciardi ad una riunione sugli ospedali della città

Il Sindaco ha annunciato che tra dieci giorni si terrà un incontro con i direttori sanitari delle strutture per fare il punto sull'ospedale San Marco e potenziare il pronto soccorso del Garibaldi centro in vista del trasferimento del Vittorio Emanuele

"Ho chiesto all'assessore regionale alla Sanità Baldo Gucciardi di partecipare a una riunione della conferenza dei direttori generali delle aziende ospedaliere e sanitarie catanesi, insieme con il Rettore dell'università, che si terrà fra dieci giorni a palazzo degli elefanti". Lo ha detto il sindaco di Catania Enzo Bianco sottolineando come:"In quella sede faremo il punto della situazione sui lavori dell'ospedale San Marco e ribadirò la richiesta di un potenziamento del pronto soccorso del Garibaldi Centro, necessario per non creare disagi ai cittadini in vista del trasferimento del Vittorio Emanuele".

Appare chiaro dunque che l'ospedale Vittorio Emanuele chiuderà i battenti prima della possibile apertura della struttura di Librino. "Infine - ha aggiunto Bianco - discuteremo della destinazione del grande edificio di via Plebiscito che l'ospedale Vittorio lascerà, in cui noi vogliamo realizzare un grande campus universitario, tra i più grandi del mezzogiorno: riqualificheremo la zona e daremo un grande servizio a quei ragazzi, anche provenienti da altri paesi in particolare del Mediterraneo, che sceglieranno di studiare nella nostra città. Si tratta di appuntamenti e cambiamenti importanti per Catania, ai quali ci stiamo avvicinando facendo squadra tra tutte le istituzioni coinvolte per cogliere queste opportunità e fornire servizi di sempre maggiore qualità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento