Sanità, nasce conferenza permanente: nuovo gruppo di lavoro dedicato alla salute

Si riunirà ogni due mesi con compiti di programmazione territoriale. Al centro dell'attenzione sarà la pianificazione sanitaria, come ad esempio la dislocazione in città delle strutture di pronto soccorso

 Il sindaco di Catania Enzo Bianco ha presieduto nel Palazzo degli elefanti, alla presenza dell’assessore regionale alla Salute Lucia Borsellino, la prima riunione della Conferenza permanente dei Direttori generali delle Aziende sanitarie, universitarie e ospedaliere di Catania – Asp, Policlinico-Vittorio Emanuele, Garibaldi e Cannizzaro.

Il Sindaco ha spiegato che i cittadini inseriscono la domanda di buona sanità in cima alle loro richieste insieme con lavoro e trasporto pubblico. Bianco ha aggiunto che le questioni affrontate dalla  Conferenza cittadina sulla Salute ”non riguarderanno la gestione, affidata all’autonomia e alla responsabilità di ciascuno dei direttori, ma la pianificazione sanitaria”. 

Tra gli esempi di pianificazione Bianco ha citato la dislocazione in città delle strutture di pronto soccorso, o la maniera di incrociare domanda e offerta perché le liste d’attesa siano viste in una logica più ampia che quella della singola azienda, o ancora come programmare la parte sociosanitaria per alleggerire quella ospedaliera tradizionale.

Il sindaco ha annunciato l’insediamento di  un gruppo di lavoro sulla salute - coordinato da Francesco Santocono, docente di Diritto sanitario - che riunirà rappresentanti del mondo medico, sindacati, organizzazioni di malati e di consumatori, studenti di medicina, e di un comitato tecnico scientifico di alto livello “che daranno suggerimenti e indicazioni”.

L’assessore Borsellino ha sottolineato l’importanza di questo “nuovo metodo di lavoro che favorisce lo scambio e le sinergie tra le aziende e il territorio, che diventa quindi protagonista nella programmazione sanitaria”.
“Nelle prossime riunioni – ha aggiunto - si andranno a definire tutte le soluzioni tecnico-operative per porre le basi di un atto di programmazione, che già ora ha tutti i presupposti per essere integrato, tra Comune e aziende sanitarie. Peraltro il modello che il sindaco inaugura in questa città si sposa perfettamente con quella che è un’ipotesi legislativa che spero veda la luce molto presto. Si vuole andare verso un piano della Salute integrato che non sia solo sanitario ma si occupi anche di quella parte del sociale che, sebbene integrato, consente di sgravare costi di assistenza sanitaria spesso più onerosi”.

L’assessore Borsellino ha ricordato al proposito il protocollo sulla Salute Mentale siglato dal Comune di Catania e l’Asp, affermando di sperare che questo tipo di esperienza possa essere seguita anche altrove.

La prossima riunione della Conferenza permanente dei Direttori generali delle Aziende sanitarie, universitarie e ospedaliere di Catania è stata fissata tra venti giorni. Le riunioni avranno cadenza bimestrale ma potranno essere convocate dal Sindaco ogni volta in cui ci sia un’emergenza o uno specifico problema da affrontare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento