Sanità, Uil Fpl: "Bisogna rivisitare la rete ospedaliera e l'organico"

È quanto dichiara il segretario regionale della UIL FPL Enzo Tango commentando le dichiarazioni dell'assessore Gucciardi rese durante il convegno del 21 giugno "Diritto alla Salute"

"L'ottima riuscita del convegno organizzato mercoledì a Catania dalla UIL FPL Sicilia e dalla UIL FPL etnea, che ha permesso di parlare di sanità e di diritto alla salute, porta inevitabilmente a compiere una riflessione sul reale stato di salute nella nostra regione. Che ben vengano le dichiarazioni rese dall'assessore Gucciardi nel corso dei lavori ma la UIL fpl non può che confermare i giudizi non positivi espressi da tempo, giudizi che riguardano innanzitutto la rete ospedaliera e le dotazioni organiche: non possiamo non notare che il progetto iniziato mesi fa è stato frenato perché si è pensato di più a tenere conto dei vincoli ministeriali e del governo nazionale piuttosto che ascoltare le reali esigenze del territorio e della sua sanità, differente dal resto d'Italia. In Sicilia, è innegabile, ci sono situazioni diverse. Ecco perché permangono le nostre perplessità sia in tema di approvazioni di atti aziendali sia per quanto concerne le dotazioni organiche: speriamo e auspichiamo che questi step previsti dall'assessorato alla salute possano riuscire a modificare o integrate gli atti già adottati. La UIL FPL conferma, eccetto che in taluni casi particolari, il giudizio negativo sulla gestione manageriale delle aziende ospedaliere e sanitarie siciliane. Per questo chiediamo al presidente Crocetta e all'assessore Gucciardi una inversione di tendenza e discontinuità nella ormai prossima nomina dei commissari straordinari". È quanto dichiara il segretario regionale della UIL FPL Enzo Tango commentando le dichiarazioni dell'assessore Gucciardi rese durante il convegno del 21 giugno "Diritto alla Salute".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento